Bonus bici, niente click day: arrivano altri 70 milioni

Non ci sarà nessun click day per poter richiedere il bonus mobilità fino a 500 euro per l'acquisto di bici, monopattini, segway e hoverboad

Niente click day, a quanto pare. A differenza di quanto ventilato nelle scorse settimane, il bonus bici (qui trovate l’elenco di chi lo può richiedere) stanziato dal Governo Conte per far ripartire i consumi, in ottica green in questo caso attraverso l’acquisto di biciclette, anche con pedalata assistita, monopattini, segway e hoverboard a zero impatto ambientale, dovrebbe essere erogato senza passare da una procedura unificata via web in uno stesso giorno, che avrebbe causato rallentamenti al sistema web o blocchi al sito veri e propri.

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa a L’aria che tira su La7 ha annunciato un nuovo stanziamento per il bonus bici pari a 70 milioni di euro, che andrà ad aggiungersi ai 120 milioni già previsti dal Dl Rilancio. I 190 milioni di euro dovrebbe essere sufficienti, nella previsione del ministero, a coprire tutte le richieste. La cifra potrebbe persino salire di altri 10 milioni, arrivando a 200 milioni totali.

Infatti, uno dei problemi di queste settimane collegato al bonus bici è stato propria la mancanza di bici nei negozi. Le biciclette sono letteralmente andate a ruba (si è registrato un +60% rispetto allo stesso periodo del 2019) perché moltissimi italiani si sono affrettati ad acquistarla, dal momento che il bonus vale anche per i mezzi già acquistati a partire dal 4 maggio 2020.

Come funziona il bonus bici

A breve invece verranno attivati il portale e la relativa applicazione del Ministero dell’ambiente tramite cui si potrà ottenere il bonus fino a 500 euro, sia per gli acquisti già effettuati che per quelli da effettuare entro la fine dell’anno. Per accedere all’applicazione è necessario disporre delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Il rimborso avverrà in due fasi:

  1. Fase 1 (dal 4 maggio 2020 fino al giorno di inizio operatività dell’applicazione web): nella prima fase sarà il cittadino ad essere rimborsato del 60% della spesa. Per ottenere il contributo è necessario conservare il documento giustificativo di spesa (e attenzione serve la fattura, non basta lo scontrino) e allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione web.
  2. Fase 2 (dal giorno di inizio operatività dell’applicazione web): nella seconda fase il cittadino pagherà al negoziante aderente direttamente il 40% e sarà il negoziante aderente a ricevere il rimborso del 60%. Il rimborso avverrà nei limiti delle risorse disponibili. Lo sconto diretto da parte del fornitore funziona grazie a un buono spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’app. Gli interessati dovranno indicare sull’applicazione web il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa digitale da consegnare ai fornitori autorizzati per ritirare la bici o godere del servizio individuato.

Cosa si può acquistare con il bonus bici

Il bonus mobilità può essere richiesto una sola volta e per l’acquisto di un solo bene o servizio tra quelli di seguito elencati::

  • biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita;
  • handbike nuove o usate;
  • veicoli nuovi o usati per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (monopattini, hoverboard, segway);
  • servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante auto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus bici, niente click day: arrivano altri 70 milioni