Bonus “anti caldo” da usare quest’estate: attenzione alle scadenze

C'è ancora tempo per usufruire dei bonus per i condizionatori, le tende solari e le zanzariere, ma vi spieghiamo perché è meglio agire subito

Il caldo intenso delle ultime settimane ha dato una piccola tregua agli italiani grazie all’arrivo dell’anticiclone delle Azzorre che si è abbattuto sulla Penisola, portando anche fenomeni di maltempo. Tuttavia l’estate sta entrando nel vivo, e i meteorologi prevedono ancora periodi di afa e temperature estreme. Ci sono a livello governativo dei bonus che è ancora possibile sfruttare per dotare la casa di dispositivi per raffrescare gli ambienti o ripararli dal sole. Ma per richiedere alcuni di essi rimane poco tempo.

Bonus condizionatori e pompe di calore

I bonus per l’acquisto dei condizionatori sono delle agevolazioni fiscali che spettano a chi decide di acquistare o sostituire i climatizzatori di casa con uno nuovo o a pompa di calore a risparmio energetico. L’incentivo spetta anche senza effettuare i lavori di ristrutturazione.

Si può usufruire di una detrazione del 50% attraverso il bonus mobili, a patto di acquistare un condizionatore di classe energetica A+, oppure del 65% con l’ecobonus. In quest’ultimo caso la classe energetica deve essere pari o superiore alla A+++, e il dispositivo deve essere in grado di riscaldare gli ambienti in inverno, tagliando l’uso del gas e le emissioni.

L’incentivo è erogato per spese di un massimo di 10 mila euro per tutto il 2022. Vi abbiamo già spiegato qui come ottenere il bonus condizionatori.

Bonus tende da sole e zanzariere

Un altro importante bonus, che serve per schermare la propria casa dai raggi solari, e quindi tenerla fresca durante l’estate, è il bonus zanzariere. Si può accedere alla detrazione fiscale del 50% del costo sostenuto per l’acquisto e l’installazione di dispositivi contro gli insetti, a patto che abbiano schermature solari o chiusure tecniche mobili oscuranti, in 10 quote annuali.

In alternativa si possono installare tende solari. In ogni caso devono avere la marcatura CE, rispettare le condizioni di trasmittanza termica, avere un fattore totale di energia solare Gtot superiore a 0,35, essere fissate permanentemente a finestre e porte a vetri, proteggere una superficie vetrata esposta alla luce del sole, essere regolabili.

C’è tempo fino al 31 dicembre 2022 per richiederlo, su una spesa massima di 60 mila euro. È possibile includere il bonus zanzariere e tende solari nel superbonus 110% come lavoro trainato, dunque da associare a un intervento principale per l’isolamento termico o la messa in sicurezza nelle zone ad alto rischio sismico. Qua la nostra guida per richiedere il bonus zanzariere 2022.

Perché è meglio fare i lavori subito

Per entrambi i bonus non ci sono limiti di Isee, ma c’è tempo solo fino alla fine dell’anno per poterli richiedere. Considerando i tempi burocratici e dei lavori, e anche quelli di organizzazione e ricerca di ditte specializzate disponibili, è meglio iniziare subito a muoversi, per non rischiare di perderli.

Nell’attesa di installare nuovi dispositivi, ci sono comunque dei trucchi per tenere la casa al fresco e risparmiare anche durante questa estate tropicale caratterizzata dai rincari in bolletta, che però, come avvertono gli scienziati, potrebbe essere la più fredda dei prossimi anni a causa del cambiamento climatico.

Potete trovare qua tutte le alternative economiche ai condizionatori. E se proprio non potete fare a meno dell’aria climatizzata, qui ci sono i trucchi per risparmiare in bolletta.