Bonus 150 euro, automatico e senza autodichiarazione: ecco per chi

In sede di conversione del Dl aiuti ter sarà disposta l'erogazione in automatico dell'indennità ma soltanto per i dipendenti pubblici

I dipendenti della pubblica amministrazione riceveranno il bonus 150 euro in automatico senza dover presentare l’autodichiarazione. La novità è contenuta nel testo di conversione del cosiddetto Dl Aiuti ter, il n.144 del 2022, al momento all’esame del Parlamento. Con la modifica dell’articolo 18 del testo, gli impiegati statali non dovranno più consegnare al proprio superiore le certificazione per fare richiesta del contributo una tantum, a differenza di quanto sarà richiesto ancora ai lavoratori del settore privato.

Bonus 150 euro, automatico e senza autodichiarazione: a chi va

L’indennità da 150 euro è stata prevista dal governo Draghi come sostegno a lavoratori e famiglie per contrastare l’aumento del costo della vita, sotto la spinta della crisi energetica e dell’impatto dell’inflazione. Rispetto al primo bonus di 200 euro (qui la differenza con il bonus 150 euro), il successivo contributo una tantum è stato destinato a una platea più limitata di cittadini restringendo i requisiti reddituali in particolare ai lavoratori i lavoratori dipendenti che a novembre hanno avuto una retribuzione imponibile non superiore a 1.538 euro e per autonomi, co.co.co e altre tipologie di lavoratori che nel 2021 hanno avuto un reddito inferiore ai 20mila euro (qui l’approfondimento sui requisiti di reddito e a chi spetta il bonus 150 euro).

Destinatari dell’indennità una tantum sono le seguenti categorie di lavoratori che riceveranno il bonus a partire da novembre fino anche al 2023, con tempisitiche variabili sulla base del tipo di inquadramento e della posizione ricoperta:

  • I lavoratori dipendenti, dal datore di lavoro e direttamente in busta paga;
  • I pensionati, che si vedranno accreditare la somma nel cedolino di novembre;
  • I titolari del reddito di cittadinanza, d’ufficio la cifra sarà riconosciuta in aggiunta nella ricarica di novembre.
  • I lavoratori domestici;
  • Chi prende l’indennità di disoccupazione;
  • I collaboratori (co.co.co., dottorandi e titolari di assegni di ricerca);
  • I lavoratori stagionali;
  • I lavoratori dello spettacolo.

Al comma 1 dell’articolo 18 del decreto Aiuti ter, si stabilisce la platea alla quale è riconosciuto il bonus: “Ai lavoratori dipendenti, con esclusione di quelli con rapporto di lavoro domestico, aventi una retribuzione imponibile nella competenza del mese di novembre 2022 non eccedente l’importo di 1.538 euro”, è riconosciuta “per il tramite dei datori di lavoro, nella retribuzione erogata nella competenza del mese di novembre 2022, una somma a titolo di indennità una tantum di importo pari a 150 euro”.