Vaccini e autismo, nuova sentenza condanna il Ministero della Salute

Risarcimento da 250 mila euro a una famiglia di Agrigento con un ragazzo autistico

Il Ministero della Salute dovrà risarcire un ragazzo autistico di Agrigento che nel 2000 fece il tetravalente (contro difterite, tetano, pertosse ed epatite B). Il tribunale civile nel 2014 aveva riscontrato un rapporto di causa-effetto tra medicinale e patologia e riconosciuto alla famiglia un danno di 250mila euro ma il ministero non ha pagato. Ora il giudice amministrativo impone di liquidare la cifra (con gli interessi) entro 2 mesi, sennò ci sarà un commissariamento ad acta.

La sentenza fa riemergere il lungo e mai sopito dibattuto sul presunto legame tra vaccini e autismo. L’Italia nel 2014, ultimo anno per il quale sono disponibili i dati, ha toccato i livelli di adesione più bassi. Siamo sotto la soglia di sicurezza, cioè il 95% di copertura, per i cosiddetti obbligatori. Gli altri, come il trivalente per morbillo, parotite e rosolia sono al massimo all’85%.

Anche se per la scienza non esiste al momento nessuna correlazione tra le due cose, diverse sentenze della magistratura hanno stabilito invece il contrario dando vita a continui casi di sentenze e contro sentenze. A Rimini nel 2012 il giudice del lavoro riconobbe il risarcimento alla famiglia di un bambino perché secondo i suoi consulenti l’autismo sarebbe stato collegato al vaccino trivalente. Quella decisione venne poi ribaltata nel febbraio del 2015 dalla Corte d’Appello di Bologna.

“Sono tante le sentenze di senso opposto su questo tema – spiega Antonio Ferro, medico responsabile del sito vaccinarsi.org, considerato tra i più autorevoli nel settore – Ad ottobre faremo un incontro dedicato proprio al rapporto tra sanità e giustizia. Il problema di fondo è che non c’è possibilità di istituire una linea di interpretazione unica con la magistratura. Ognuno ha la sua opinione, ed è molto importante quale consulente tecnico si sceglie”.

La procura di Trani meno di un mese fa, dopo due anni di lavoro, ha archiviato l’esposto presentato dai genitori di due bambini seguiti da uno dei medici più agguerriti contro i vaccini, sostenendo che non esiste correlazione tra autismo e questi medicinali. A Milano invece il Tribunale del lavoro ha riconosciuto nel 2014 il versamento di un vitalizio a un bambino autistico vaccinato nel 2006 con l’esavalente. Si aspetta il processo di appello chiesto dal ministero.

Leggi anche:
Zuckerberg posta una foto, gli anti-vaccino insorgono: “Sei malato”
Come riconoscere l’autismo nei bambini
Vaccinazioni, qual è la loro importanza
Tutto sui vaccini
Perché così poca informazione sui vaccini?

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccini e autismo, nuova sentenza condanna il Ministero della Salute