Vacanze: italiani pronti a chiedere un prestito pur di partire

33 milioni di euro nel 2017

(Teleborsa) Italiani pronti a rinunciare a tutto, ma non alle vacanze. Poco importa se con la crisi che fa la voce grossa, il portafoglio fa spallucce. Non c’è problema, basta ricorrere ad un prestito. Lo dice un’analisi elaborata da Facile.it e Prestiti.it che mostra come dal 1 gennaio al 31 maggio 2017sono stati erogati oltre 33 milioni di euro per sostenere i costi di viaggi a breve, medio o lungo raggio.

Chi vuole un prestito per pagare le ferie punta ad ottenere in media poco più di 5.000 euro (5.071€); cifra superiore del 7,7% rispetto a quella che gli aspiranti vacanzieri italiani volevano un anno fa, ed equivalente ad una rata mensile di circa 113 euro.

“Piuttosto che rinunciare al meritato riposo o alla vacanza tanto desiderata» ha dichiarato Mario Parteli, responsabile Business Unit Prestiti di Facile.it  Gli italiani fanno in modo che questa pesi il meno possibile sulle finanze familiari, dilazionandone il pagamento in periodi anche lunghi; la durata media dei piani di restituzione dei prestiti per le vacanze, ad esempio, è di circa quattro anni”.

Quando si pensa al prestito per le vacanze? Analizzando il flusso delle richieste i due portali hanno evidenziato come queste aumentino con l’approssimarsi dei periodi di vacanze e, ad esempio, oltre il 38% delle richieste è stato presentato nel mese di maggio.

L’identikit – In media il richiedente ha 42 anni, nel 72% dei casi è uomo e, nel 76%, ha un lavoro a tempo indeterminato presso un’azienda privata.

Ma c’è un dato che colpisce più degli altri:  l’11% delle domande è però firmata da un pensionato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vacanze: italiani pronti a chiedere un prestito pur di partire