UE, niente procedura d’infrazione. L’Italia è salva

La decisione di non raccomandare al Consiglio di aprire una procedura per debito nei confronti dell'Italia "non è la fine del percorso. Monitoreremo molto attentamente il documento programmatico di bilancio" dell'Italia per il 2020

Il Collegio dei commissari europei ha deciso poco fa, come nelle attese, di non raccomandare al Consiglio Ue di aprire una procedura per deficit eccessivo legata al debito nei confronti dell’Italia.

La decisione di non raccomandare al Consiglio di aprire una procedura per debito nei confronti dell’Italia “non è la fine del percorso. Monitoreremo molto attentamente il documento programmatico di bilancio” dell’Italia per il 2020, che dovrà essere presentato “entro il 15 ottobre”, cosa che sarà “uno degli ultimi compiti” di questa Commissione, ha affermato il commissario europeo agli Affari Economici Pierre Moscovici, a Bruxelles.

Moscovici, si dice soddisfatto della risposta avuta da Roma: “Avevamo posto tre condizioni: dovevamo compensare lo scarto per il 2018, quello del 2019 da 0,3 e ottenere garanzie sul bilancio 2020. Il Governo ha approvato un pacchetto che risponde alle nostre tre condizioni“.

Il Governo ha preso l’impegno lunedì sera di rispettare il Patto, prevedendo un aggiustamento strutturale significativo nel 2020, con una lettera firmata da Conte e Tria, anche se i dettagli arriveranno in ottobre con il progetto di Legge di bilancio prossimo”, conclude l’esponente agli Affari economici comunitari. Il commissario agli Affari economici ha affermato che, grazie alle misure di assestamento, l’Italia rispetta gli impegni presi sui conti pubblici nel 2019 ed ha aggiunto “pensiamo che sarebbe controproducente chiedere al Paese di fare di più”.

“È stata evitata una procedura di infrazione che sarebbe potuta ricadere sul Paese, per colpa del Pd. L’Italia non la meritava e l’annuncio di oggi rende giustizia all’Italia e a questo governo”, ha scritto su Facebook il vicepremier e ministro, Luigi Di Maio. Anche l’altro vice premier Matteo Salvini ha commentato la nuova europea: No alla procedura di infrazione? “Bene, adesso proporrò al governo di accelerare sulla Manovra per l’anno prossimo”. Con la Flat Tax? “Certo – ha risposto – la Flat tax resta in campo, senza dubbio”.

In collaborazione con Adnkronos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

UE, niente procedura d’infrazione. L’Italia è salva