Turismo, sotto gli ombrelloni italiani boom di stranieri

I tedeschi hanno preferito Liguria e Sicilia, gli statunitensi Puglia e Sardegna

(Teleborsa) L’Italia torna di moda e nel 2016 è boom di turisti stranieri sulle nostre spiagge. Il Bel Paese strizza l’occhio ai vacanzieri di tutto il mondo, dall’Europa all’America all’Asia, e da nord a sud è quasi tutto esaurito. E’ quanto riferisce una indagine della CNA Balneatori, condotta su 531 titolari di altrettanti stabilimenti balneari di 55 località costiere, che evidenzia come nel periodo fine giugno-fine luglio il numero di stranieri venuto a prendere  il sole sulle nostre coste sia salito del 5,4%.

Tra le regioni che hanno fatto segnare la crescita più decisa troviamo la Sardegna (+13%), tallonata dal Friuli Venezia Giulia (+12,5%). Ma il segno positivo accomuna tutti. Veneto, Basilicata e Sicilia completano la top five fra le preferenze degli stranieri.

Quanto alla spesa i turisti stranieri si mostrano avveduti. Solo in Basilicata, Emilia Romagna, Liguria e Sicilia i balneatori registrano un leggero aumento della spesa. La stabilità, talvolta con una punta di crescita, prevale in Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Sardegna, Toscana e Veneto. In arretramento, sia pur leggero, Calabria, Campania, Lazio, Marche e Molise.

I tedeschi hanno preferito Liguria e Sicilia, gli statunitensi Puglia e Sardegna, i francesi la Liguria, gli spagnoli la Toscana, i russi l’Emilia, gli austriaci la Liguria e la Campania, i giapponesi la Campania, i cinesi la Sardegna.

Turismo, sotto gli ombrelloni italiani boom di stranieri