Turchia, l’instabilità frena il turismo

(Teleborsa) Con i suoi 7.200 km di costa e 436 spiagge insignite della Bandiera Blu la Turchia è la sesta destinazione turistica più popolare al mondo, con la sola città di Istanbul visitata ogni anno da milioni di turisti. Questo primato, però, potrebbe presto perderlo a causa dell’instabilità del Paese, colpito nell’ultimo periodo da violenti attacchi terroristici e non solo. Proprio in questo fine settimana, infatti, la Repubblica di Turchia ha dovuto fare i conti con un tentato golpe, che per un momento ha paralizzato l’intero Paese, dagli aeroporti ai social network.

Nuovo colpo per il turismo: già lo scorso anno le tensioni geopolitiche e gli atti di terrorismo nel Paese hanno determinato un effetto paura che ha scoraggiato molti viaggiatori. Secondo i dati più recenti forniti dal ministero del Turismo risalenti allo scorso aprile, il numero di viaggiatori stranieri giunti in Turchia nel 2016 è risultato essere pari a 1,75 milioni, il 28% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel 2015, invece, il Paese era stato visitato da 39,4 milioni di persone, mentre il fatturato totale del settore nello stesso anno è stato di 31,4 miliardi di dollari, contribuendo al PIL nazionale per il 4,37%.

In particolare sembra essere diminuito il flusso di turisti dalla Russia, da 150 a 31mila persone e dalla Germania, il 35% in meno a 246mila mentre gli italiani si sono praticamente dimezzati. Secondo i dati del ministero della Cultura e del turismo turco nel 2014 sono stati 697.360 gli italiani che hanno visitato la Turchia, una cifra scesa a 351.338 nel 2015.

“Lo stato della sicurezza nel paese inciderà probabilmente sui ricavi provenienti dal turismo”,  ha dichiarato Salman Ahmed, Chief Investment Strategist di Lombard Odier Investment Managers spiegando che “questo avrà implicazioni per la crescita del PIL turco e per il profilo delle partite correnti, vulnerabile rispetto agli altri mercati emergenti”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Turchia, l’instabilità frena il turismo