Trenitalia, più biglietti scontati dopo la segnalazione di Altroconsumo all’Antitrust

I biglietti Milano-Roma a 9 euro sono praticamente introvabili: secondo Altroconsumo solo per 1 viaggiatore su 170. Trenitalia si impegna con l'Antitrust a offrirne di più

Più biglietti ferroviari scontati, lo promette Trenitalia davanti all’Antitrust. Il tutto parte dalla segnalazione per pubblicità ingannevole avviata da Altroconsumo con riferimento alla promozione “Viaggia in Italia a 9 euro!”: i biglietti pubblicizzati a prezzi stracciati sono di fatto introvabili. L’associazione dei consumatori aveva interpellato l’Antitrust e ora l’Authority per la concorrenza ha emesso un provvedimento che rende vincolati gli impegni assunti da Trenitalia a mettere sul mercato molti più biglietti scontati (a 9 euro ma anche anche quelli a 19 e 29 euro) e rendere più accessibili e trasparenti le informazioni sulle promozioni e i servizi offerti.

La compagnia ferroviaria si impegna quindi a rivedere i contenuti presenti sul sito web, a eliminare la cartellonistica sull’offerta ancora presente nelle stazioni e a sospendere gli spot col messaggio “a partire da 9 euro”. Ma soprattutto – cosa molto più importante per i viaggiatori – ad aumentare in maniera significativa il numero di biglietti in promozione.

Uno sconto introvabile

Tutto è partito da una rilevazione di Altroconsumo effettuata sui treni della tratta Milano-Roma, una delle più frequentate, nell’arco di oltre due mesi (da 1° aprile al 9 giugno 2012). Su 5.275 treni presenti solo 31 permettevano di acquistare il biglietto a 9 euro pubblicizzato da Trenitalia. Per la precisione, 23 con partenza da Roma e 8 da Milano. Di fatto solo 1 viaggiatore su 170 riusciva in quel periodo a ottenere la tariffa promozionale.

Quasi tutte le offerte inoltre erano concentrate nella settimana tra il 22 aprile e il 28 aprile e riguardavano solo Intercity mentre lo sconto è presentato come valido anche sui Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca. E l’unica avvertenza è “limitato e variabile, a seconda dei giorni della settimana, dei treni e della classe o livello di servizio”. Davvero un po’ poco per sostenere un messaggio pubblicitario che dice: “Viaggia a partire da soli 9 euro!”.

La replica di Trenitalia

In merito alla decisione dell’Antitrust sulla campagna promozionale di Trenitalia “Viaggia in Italia a partire da 9 euro”, contrariamente alle interpretazioni che un’associazione di consumatori ed alcuni media on-line stanno diffondendo, occorre precisare che non esiste nessuna condanna adottata dall’Autorità, al termine della propria indagine, nei confronti di Trenitalia.
 
L’Autorità ha anzi ritenuto di accettare gli impegni proposti proprio da Trenitalia che, in un’ottica di sempre maggiore attenzione nei confronti della clientela, ha incrementato il numero dei biglietti disponibili, nei prossimi mesi, a prezzo scontato per tutti i servizi di media e lunga percorrenza.
 
È stato così raggiunto l’obiettivo principale: garantire indiscutibili vantaggi ai viaggiatori, assicurando anche maggiore chiarezza sulla disponibilità dei biglietti a prezzi scontati.

Trenitalia, più biglietti scontati dopo la segnalazione di Altroconsu...