Trasporto aereo, tablet e pc: Italia non adotta divieto

"Non sono emerse evidenze tali da rendere necessario un ulteriore innalzamento delle misure di sicurezza già in vigore per il trasporto aereo"

(Teleborsa) La sicurezza nei cieli, con l’allarme terrorismo che spaventa, è uno dei temi più caldi e attuali. Negli ultimi anni, attentati e minacce più o meno incombenti, hanno, infatti, cambiato il nostro modo di vivere e le abitudini di tutti i giorni. Abbiamo imparato a convivere con nuove regole, sulla terra. E pure tra i cieli. In Italia, però,  non verranno adottate ulteriori restrizioni come il divieto di imbarco in cabina di dispositivi elettronici. Almeno per il momento. 

Lo ha reso noto il Cisa, Comitato interministeriale per la sicurezza dei trasporti aerei e degli aeroporti, al temine di una riunione urgente per fare il punto sulle recenti disposizioni di Washington e Londra,  indetta nella giornata di ieri  e presieduta dal direttore generale dell’Enac Alessio Quaranta  alla quale erano presenti, tra gli altri, delegati della presidenza del Consiglio dei ministri, dei ministeri degli Esteri, dell’Interno, delle Infrastrutture e dei Trasporti, della Difesa, oltre che dal Comando generale della guardia di finanza, dell’Enav e di Assaeroporti.
L’incontro si è reso necessario dopo le disposizioni di Stati Uniti e Gran Bretagna, che vieteranno l’imbarco in cabina dei dispositivi di dimensioni maggiori degli smartphone (tra cui tablet e pc) sui voli in partenza da alcuni aeroporti mediorientali e nordafricani.
LA GUARDIA RESTA ALTA – L’allerta, tuttavia, resta alta e la parola d’ordine è, ovviamente, monitorare senza abbassare la guardia. Le disposizioni, infatti, potrebbero essere riconsiderate se emergessero nuove informazioni. Il Comitato interministeriale, perciò,   “continuerà attraverso gli enti che lo compongono a monitorare la situazione e a riconsiderare le disposizioni qualora emergessero nuove informazioni” ma  allo stato attuale delle cose “non sono emerse evidenze tali da rendere necessario un ulteriore innalzamento delle misure di sicurezza già in vigore per il trasporto aereo, né l’introduzione di nuove restrizioni per i passeggeri come quelle disposte dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Trasporto aereo, tablet e pc: Italia non adotta divieto