Ticket sanitario, si cambia: “Chi ha di più deve pagare di più”

Più risorse, abolizione del superticket e rimodulazione dei ticket sanitari: il ministro della Salute, Roberto Speranza, annuncia novità in tema di sanità

La legge di Bilancio prevede lo stanziamento di due miliardi in più nella sanità rispetto all’anno precedente. “Abbiamo due miliardi in più nel Fondo sanitario nazionale nel 2020 rispetto all’anno precedente. Basta tagli e più risorse per il Sistema sanitario nazionale. Ora ci dobbiamo sedere al tavolo con le Regioni per sottoscrivere il patto per la salute nel minor tempo possibile”.

Ad annunciarlo su Facebook è il ministro della Salute, Roberto Speranza, che in un video annuncia le novità: lo stanziamento di due miliardi in più nel 2020 appunto, l’abolizione del superticket e la rimodulazione del ticket che tenga conto del reddito di chi usufruisce del sistema sanitario nazionale.

“CHI HA DI PIU PAGHI DI PIU'” – “Abbiamo deciso di collegare alla legge finanziaria un disegno di legge per il riordino della materia del ticket, la modalità di compartecipazione alla spesa sanitaria. Lo faremo con un criterio di progressività: oggi non conta se sei miliardario o in difficoltà economica. Al di là delle esenzioni si paga lo stesso e credo che si possa intervenire secondo il principio che chi ha di più deve pagare di più, chi ha di meno deve pagare di meno”, ha detto ancora Speranza. Fermo restando, per il ministro, un principio garantito anche dalla Costituzione: “Non conta quanti soldi hai o in che Regione vivi, hai sempre il diritto sacrosanto a essere curato”

SUPERTICKET – “Abbiamo deciso – ha aggiunto – di affrontare con forza anche la questione del superticket, un balzello di 10 euro che non consente a troppi cittadini di accedere al Ssn. Abbiamo scritto per la prima volta che è sbagliato e che va superato e mi impegnerò perché avvenga nel più breve tempo possibile”.

PATTO PER LA SALUTE – Infine, “abbiamo bisogno di più medici: ci riuniremo con le Regioni per sottoscrivere prima possibile il Patto per la salute, affrontando questo e altri temi come l’assistenza territoriale e le liste di attesa le cui conseguenze sono ancora troppo presenti nella vita delle persone”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ticket sanitario, si cambia: “Chi ha di più deve pagare di&nbsp...