Tessera sanitaria, arriva il nuovo modello

Anche la tessera sanitaria ha un data di scadenza. 16 milioni di italiani ne riceveranno una nuova entro fine anno. Con funzioni sempre più varie

Una validità di sei anni. Forse non tutti sanno che anche la tessera sanitaria, un documento che ha acquisito nel tempo una molteplicità di funzioni tra cui quella di codice fiscale, ha una scadenza. Entrata in vigore nel 2004 in sostituzione del vecchio tesserino cartaceo, la prima generazione della tessera sanitaria “di plastica” finisce il suo servizio a partire da settembre. Entro la fine dell’anno 16 milioni di tessere verranno rimpiazzate dalle nuove.

Non ci sono richieste o altre pratiche da fare: la nuova tessera, che avrà scadenza 2016, verrà recapitata direttamente a casa dall’Agenzia delle Entrate entro la data di scadenza (riportata sul tesserino). Alla stessa stregua la tessera arriva automaticamente a tutti i nuovi nati

A cosa serve

La tessera sanitaria è ormai un documento familiare. Si tratta di una carta elettronica multiuso che contiene i principali dati sanitari dei pazienti ma anche i codici per l’accesso ad altri servizi on-line. Tra le sue funzioni ricordiamo:

• 
l’accesso alle prestazioni sanitarie (prenotazioni di visite, esami e ricoveri, pagamento del ticket),

•  la certificazione dell’acquisto dei farmaci detraibili dall’Irpef tramite il cosiddetto “scontrino parlante“;

•  la possibilità di tracciare le prestazioni sanitarie ricevute (una sorta di cartella sanitaria elettronica);

•  l’assistenza sanitaria gratuita in Europa in sostituzione del vecchio modello E111 che doveva essere richiesto prima di ogni viaggio;

•  la funzione di codice fiscale.

In alcune regioni la tessera sanitaria ha funzioni più allargate e interattive. Dotata anche di un chip elettronico e tramite un apposito lettore di card, si può utilizzare la carta per accedere on line ad alcuni servizi pubblici (la visualizzazione della propria situazione fiscale, le pratiche edilizie ecc.). Le nuove tessere in arrivo potrebbero auspicabilmente allargare questi servizi a tutto il territorio nazionale.

Se non arriva la nuova tessera

Se la nuova tessera sanitaria non viene recapitata prima della scadenza di quella vecchia ci si può rivolgere alla propria Asl che rilascia un certificato sostitutivo provvisorio. Ma in caso di ritardo prolungato meglio rivolgersi a un ufficio dell’Agenzia delle Entrate per chiedere un duplicato. Sempre agli uffici territoriali dell’Agenzia bisogna rivolgersi per richiedere la correzione di eventuali dati sbagliati. (A.D.M.)

Tessera sanitaria, arriva il nuovo modello