Telefonia, arrivano due nuovi operatori low cost: cosa cambia per gli utenti

Wind e Tre sono finalmente pronti a fondersi in un unico operatore che potrebbe chiamarsi WTre. E stanno già pensando al lancio di un operatore virtuale per contrastare Iliad

Wind Tre mostra gli artigli e si prepara alla grande operazione che porterà il colosso a trasformarsi ancora una volta. Wind e Tre sono ormai da tre anni un’unica entità, ma da tempo le società stanno discutendo di come arrivare alla transizione completa dalle attuali due società a una sola.

Il processo di fusione

I due operatori hanno completato il loro processo di fusione il 31 dicembre 2016, dando vita al più grande player del settore in Italia. Sin dalla fusione, guidata da Maximo Ibarra, oggi passato a Sky Italia, i due brand Wind e Tre nel mercato consumer hanno continuato a operare separatamente.

Nel mercato business, invece, hanno optato sin dall’inizio per un operatore congiunto, Wind Tre Business. Anche se i negozi negli ultimi mesi hanno iniziato a vendere sia offerte Wind sia offerte Tre, condividendo gli spazi, i due brand stanno ancora continuando ad operare distintamente.

La concorrenza di Iliad

La joint venture ha di fatto anche aperto le porte allo sbarco di Iliad in Italia, con accordi di cessione di alcuni assets – ricordiamo che era in corsa anche Fastweb – approvati dalla Commissione Europea per garantire un equilibrio concorrenziale nel mercato. Wind Tre è stato l’operatore più colpito da Iliad in termini di perdita di customer base: secondo i dati Agcom 2019, Wind Tre mostra la più elevata percentuale di linee in uscita nell’intero mercato, pari a circa il 30% del totale.

La società oggi è al 100% proprietà dei cinesi di CK Hutchison. Dopo un investimento di 6 miliardi di euro per l’unificazione della rete e lo sviluppo della sua infrastruttura 5G, dalla fusione (che porterà con sé anche 1500 esuberi nel prossimo triennio) nascerà la nuova compagnia che dovrebbe chiamarsi WTre (o W3).

WTre (o W3) in arrivo?

Le società sono al lavoro per un rebranding che unisca le due anime che andrebbero a confluire nel nuovo marchio. Secondo le ultime indiscrezioni, il lancio ufficiale potrebbe avvenire già il prossimo 16 marzo.

Cosa cambierà concretamente per gli utenti? L’unificazione dei due brand dovrebbe portare nell’immediato a miglioramenti nella qualità del segnale e del servizio, e a tendere a tariffe ancora più concorrenziali, anche se per il momento queste dovrebbero restare invariate.

Il primo operatore virtuale: Very Mobile

Ma la rivoluzione in casa Wind Tre non si ferma qui. Sembra ormai certo il lancio del primo operatore virtuale, che dovrebbe chiamarsi Very Mobile.

Insomma, sulla scia di Kena Mobile (Tim) e Ho.Mobile (Vodafone), Very Mobile è stato pensato per contrastare la concorrenza con offerte decisamente aggressive e quindi particolarmente allettanti per gli utenti. Nei mesi scorsi Wind Tre aveva registrato nuovi marchi: Yolo Mobile, Vualà Mobile e Very Mobile. Ma sembra che la scelta finale ricadrà proprio su quest’ultimo nome.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Telefonia, arrivano due nuovi operatori low cost: cosa cambia per gli ...