Tavecchio, altro che dimissioni. Guadagna ancora 60mila euro l’anno

L'ex presidente FIGC continua a ricevere regolare stipendio dalla stessa Federazione, in cui ha ancora un ruolo attivo

E’ stato, insieme all’ex ct Gianpiero Ventura, nell’occhio del ciclone in seguito alla clamorosa eliminazione della Nazionale italiana di calcio dai prossimi Mondiali in Russia. Dissioni inevitabili, si disse allora. Ma furono vere dimissioni? In realtà Carlo Tavecchio continua a ricevere regolare stipendio dalla stessa Federazione. A rivelarlo è, oggi, Il Fatto Quotidiano, che spiega come l’ex numero uno della Lnd abbia ancora un ruolo attivo.

Federcalcio Srl
Scaduto il mandato come commissario della Lega Serie A, Tavecchio ricopre ora lo stesso ruolo nella Federcalcio Srl, la ricca finanziaria federale, da cui percepisce uno stipendio che non è mai stato ufficializzato, ma è di circa 60mila euro all’anno. Solo qualche giorno fa, Tavecchio ha presieduto il Consiglio d’Amministrazione della controllata Figc, a cui hanno partecipato anche Claudio Lotito (presidente della Lazio e copatron della Salernitana), Michele Uva (dg della Federazione), Antonio Cosentino (presidente Lnd) e Mario Macalli (ex numero uno della Lega di C). Tavecchio si fece nominare presidente il 27 aprile 2015 e risulta essere ancora in carica.

In attesa di revoca
La revoca da parte della Figc non è ancora arrivata. E a quasi sei mesi dalle dimissioni dal flop Mondiale, l’ex presidente resta ancora in seno alla Federazione. Lautamente stipendiato.

Leggi anche:
Italia fuori dai Mondiali di calcio: quanto ci costa economicamente
Quando l’atleta diventa imprenditore: storie di successi e flop clamorosi

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tavecchio, altro che dimissioni. Guadagna ancora 60mila euro l’a...