TAV, sì di Conte: M5S si infiamma. Di Maio isolato ma ribadisce: “Per noi opera dannosa”

Gongola la Lega, ennesima doccia fredda per il Movimento Cinque Stelle, che ha sempre frenato sulla Torino-Lione

“Oggi bloccare il Tav costerebbe più che completarlo“. Parole, quelle pronunciate in diretta Facebook dal Premier Giuseppe Conte, che pesano come pietre e chiudono, di fatto, il discorso sulla Torino-Lione ufficializzando la posizione del Governo italiano. Gongola la Lega, ennesima doccia fredda per il Movimento Cinque Stelle, che ha sempre frenato.

 
DI MAIO: “PER NOI RESTA OPERA DANNOSA” – “Ho ascoltato attentamente le parole del Presidente Conte, che rispetto. Il Presidente è stato chiaro, ora è il Parlamento a doversi esprimere. Nel corso del tempo si sono succeduti nove governi, sono passati – ripeto – quasi 30 anni. Parliamo di un’era oramai remota, eppure qualcuno, adesso, vorrebbe farci credere che la priorità del Paese sia questa. Media, giornali, apparati, tutto il sistema schierato a favore. Non noi. Non il MoVimento 5 Stelle. Per noi la Torino-Lione era e resta un’opera dannosa”. Con queste parole –  e non senza imbarazzo – Luigi Di Maio commenta in un post su Facebook la svolta pro- Tav.

Conte, sottolineando la disponibilità dell’Europa ad aumentare gli stanziamenti per la realizzazione dell’opera, aveva spiegato che non realizzarla costerebbe di più del suo contrario.

Ed è proprio su questo punto che il leader pentastellato ribatte: “Chiedetevi perché l’Europa ci ha sempre ignorato su tutto, continua a ignorarci su tutto e poi d’improvviso mette sul piatto nuovi investimenti comunitari per la Tav Torino-Lione. Chiedetevi perché se chiediamo flessibilità per costruire scuole, strade, ospedali l’Europa ci sbatte la porta in faccia e poi tira fuori milioni di euro per questo progetto di 30 anni fa”.

E affonda ancora: “Chiedetevi allora se l’Europa lo fa davvero per l’Italia o se per qualcun altro, visto che parecchi soldi degli italiani andranno ai francesi. Il MoVimento 5 Stelle presenterà un atto per dire che le priorità sono altre, un atto che non è altro che il cambiamento che abbiamo promesso”.

PAROLA AL PARLAMENTO – Palla ora al Parlamento chiamato a decidere sul via libera definitivo all’opera che appare pressochè scontato visto che sono contrari solo i 5 Stelle, sempre più isolati.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

TAV, sì di Conte: M5S si infiamma. Di Maio isolato ma ribadisce: &#82...