Tasse, conti pubblici, Europa: Tria indica i 3 obiettivi del governo

Il ministro evidenzia che il disegno riformatore del governo andrà avanti tenendo sempre presente l'impegno alla riduzione del debito pubblico

Intervenendo al convegno dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana, il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha voluto ribadire le linee guida del governo: riforme sì, ma sempre tenendo un occhio ai conti pubblici e alla necerssità di ridurre il debito. “Le condizioni di salute dell’economia e dei conti pubblici sono ancora buone – dice Tria – Tuttavia, anche se all’interno di un quadro generale positivo, gli indicatori recenti mostrano che c’è un rischio di una moderata revisione al ribasso della stima della crescita”. A pesare, spiega, è il rallentamento della produzione industriale e un rallentamento delle esportazioni.

Il ministro evidenzia che “il disegno riformatore del governo andrà avanti” tenendo sempre presente l’impegno “alla riduzione del debito pubblico”. “In un contesto complesso – aggiunge – la risposta italiana sarà procedere con le riforme strutturali previste nel contratto di governo, con l’idea di avere la capacità di rispondere agli shock esogeni e attivare fattori endogeni di crescita economica”.

Tasse
Tria indica i tre principali obiettivi dell’azione di politica economica che il governo intende realizzare. Il primo è quello della “riforma delle imposte, principalmente dirette con l’obiettivo prioritario di ridurre gradualmente il carico fiscale sui redditi di famiglie e imprese”.

Investimenti pubblici
Altro caposaldo è poi “il rilancio degli investimenti pubblici, non solo tramite maggiori risorse di bilancio, ma anche rimuovendo gli ostacoli burocratici e le debolezze organizzative che li hanno frenati negli ultimi anni”. “Si tratta di uno sforzo dell’intero governo sui temi della semplificazione e sono già all’ordine del giorno dei lavori dell’esecutivo” assicura il ministro. Occorre puntare, prosegue Tria, “sullo stimolo endogeno alla crescita basato sugli investimenti pubblici e su quelli privati” perché questo “significa affrontare il tema dell’occupazione di oggi e al tempo stesso costruire una capacità produttiva addizionale di cui beneficerà il lavoro delle generazioni future”.

Il ministro dell’Economia puntualizza poi che gli “obiettivi di consolidamento dei conti pubblici non derivano dagli impegni europei, seppure importanti” e che “siamo impegnati a rispettare, ma dalla necessità di rafforzare la fiducia degli investitori esteri e nazionali nella stabilità finanziaria del Paese”.

Unione Europea
Quanto alla moneta unica, “se l’obiettivo di rafforzare l’Unione monetaria è condivisa”, nell’area dell’euro, “ampie restano le divergenze sulle modalità migliori per conseguire l’obiettivo” rileva il ministro.

Dazi
Riguardo poi alla “imposizione di dazi da parte degli Usa e ulteriori misure protezionistiche dagli Stati Uniti e dalla Cina preoccupano le imprese” e possono portare a una “revisione al ribasso della crescita degli investimenti. Preoccupa in particolare il possibile ampliamento di misure protezionistiche da parte degli Usa sul settore dell’auto europeo che è un settore importante per l’Italia”. Tria sottolinea la necessità che “non si arrivi a una guerra commerciale globale”.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Tria, piano tagli per tre anni alla spesa pubblica. A rischio stipendi, pensioni, Sanità
Tria: “Nessuna manovra correttiva”
Flat tax rimandata. Nella legge di Bilancio 2019 non ci sarà
Taglio vitalizi, scure dell’85% sugli assegni. Quanto perderanno gli ex parlamentari

Tasse, conti pubblici, Europa: Tria indica i 3 obiettivi del gove...