Tariffe gas più care: come riconoscerle ed evitarle

I migliori suggerimenti per riuscire a riconoscere le tariffe gas più care e scegliere quelle che convengono di più. 

Riuscire a star dietro all’andamento dei mercati e riconoscere l’effettiva convenienza di una promozione sulla componente gas non è affatto semplice, soprattutto in un periodo storico come quello attuale. 

Nonostante si potrebbe ipotizzare il contrario, le tariffe gas più care del momento sono proprio quelle a prezzo fisso del mercato libero: lo dimostrano i dati raccolti dall’ultimo studio condotto da SOStariffe.it. 

In particolare, sono state confrontate le offerte gas del regime di Maggior Tutela, quindi quelle in cui i prezzi vengono stabiliti ogni 3 mesi da ARERA, con le offerte disponibili sul mercato libero e le tariffe PLACET. 

Scopri le offerte gas più convenienti del momento

Differenza tra offerte gas mercato tutelato, mercato libero e offerte PLACET

L’analisi condotta da SOStariffe.it. ha analizzato le offerte disponibili a settembre 2022 per 3 diverse tipologie di consumatori:

  1. single, con un fabbisogno annuo sul gas di 500 Smc;
  2. coppia, con un consumo totale di circa 800 Smc annui;
  3. famiglia di 4 persone, con un consumo ogni 12 mesi pari a 1.400 Smc. 

Le tariffe gas prese in considerazione sono quelle del mercato tutelato, quelle del mercato libero, che si distinguono tra offerte a prezzo fisso o a prezzo variabile (chiamato anche prezzo indicizzato), e le offerte a prezzo fisso o variabile di tipo PLACET, le quali rappresentano una via di mezzo tra il mercato libero e il mercato tutelato. 

Dalla comparazione tra le offerte emerge che le tariffe gas più care sono attualmente quelle a prezzo fisso del mercato libero, che possono essere bloccate per un periodo pari a 12, 24 o 36 mesi. 

Queste offerte potrebbero sembrare, in questo momento, le più convenienti tra tutte. In realtà, ipotizzando che nei prossimi mesi il prezzo del gas si mantenga tutto sommato costante, risulterebbero meno economiche rispetto alle stesse offerte a prezzo variabile. In aggiunta, le promozioni a prezzo fisso sono anche più care rispetto alle stesse offerte PLACET. 

In altri termini, si può riassumere dicendo che:

  • è vero che le offerte a prezzo fisso proteggono da eventuali rincari del prezzo del gas, ma nel lungo periodo possono risultare più dispendiose;
  • allo stesso modo, le offerte a prezzo indicizzato potrebbero essere la soluzione ideale, in particolare per quelle offerte in cui è previsto il prezzo del gas all’ingrosso e nella prospettiva che il prezzo del gas torni ad abbassarsi nel prossimo futuro. In questa secondo ipotesi, si potrebbe risparmiare molto rispetto ai prezzi del mercato tutelato, che sono bloccati di trimestre in trimestre. 

È anche vero che, in caso contrario, ovvero qualora il prezzo del gas dovesse continuare ad aumentare, allora anche le offerte a prezzo indicizzato, in cui costo può variare in base all’indice TTF o PSV, perderebbero tutta la loro convenienza

In merito alle tariffe PLACET, invece, si ricorda che:

  • le loro caratteristiche vengono stabilite da ARERA;
  • le offerte dei vari venditori possono però variare in relazione alle condizioni economiche ed è su quello che bisogna effettuare l’eventuale analisi comparativa per scegliere la tariffa più conveniente. 

Attiva una nuova offerta per risparmiare sul gas

Tariffe gas più care: quali sono?

Per dare al lettore un’idea più chiara su come stiano effettivamente le cose oggi quando si parla di convenienza di un’offerta gas, presentiamo i risultati dall’analisi condotta da SOStariffe.it sulle offerte:

  • in Maggior Tutela;
  • a prezzo fisso del mercato libero;
  • a prezzo variabile del mercato libero;
  • PLACET fisso e variabile. 

Sono state tutte confrontate con i prezzi in Maggior Tutela, che sono pari a 708 euro per un single, 1.107 euro per una coppia e 1.904 euro per una famiglia

Offerte gas prezzo fisso mercato libero

Questa tipologia di offerta gas è conveniente? Nella pratica assolutamente no. Rispetto alla Maggior Tutela, infatti, si spenderebbero in un anno:

  • 293 euro in più per un single, per un totale di 1.001 euro;
  • 449 euro in più per una coppia, per un totale di 1.556 euro;
  • 761 euro in più per una famiglia di 4 persone, per un totale di 2.665 euro.

Offerte gas e prezzo variabile mercato libero

Con l’attivazione di un’offerta gas a prezzo variabile del mercato libero, sarebbe invece possibile risparmiare in un anno:

  1. 69 euro nel caso dei single;
  2. 61 euro per una coppia;
  3. 80 euro per una famiglia di 4 persone.

Confronta le offerte gas del mercato libero e scopri quale conviene di più

Offerte PLACET: convengono?

Abbiamo visto, dunque, che le offerte del mercato libero a prezzo variabile sono più convenienti rispetto a quelle a prezzo bloccato se confrontate con i prezzi del mercato tutelato. 

Cosa si può dire, invece, sulle offerte PLACET? Dai dati riportati nella tabella in basso, emerge anche in questo caso un certo risparmio rispetto al prezzo del mercato tutelato, sia nel caso di tariffe a prezzo fisso – che risultano le più convenienti – sia per quelle a prezzo variabile. 

Profilo di consumo Single Coppia Famiglia
Tipologia di tariffa Spesa annua Confronto con mercato tutelato Spesa annua Confronto con mercato tutelato Spesa annua Confronto con mercato tutelato
PLACET fisso 683 € -25 € 1.053 € -54 € 1.795 € -109 €
PLACET variabile 689 € -19 € 1.080 € -27 € 1.862 € -42 €