Start up digitali, la scommessa del crowdfunding online. Intervista a Michele Ficara

Uno dei maggiori esperti italiani di internet e della comunicazione fa il punto sullo sviluppo tecnologico del paese

Il 2013 dovrebbe vedere l’esordio del crowdfunding, ovvero la raccolta di denaro online per finanziare le start up innovative.
Una rivoluzione assoluta per il nostro paese. Tutto da verificare come sarà accolto dagli investitori un modello che, a differenza del crowd Usa, punta al finanziamento del capitale.
Michele Ficara, presidente e fondatore di Assodigitale (Associazione Italiana Industria Digitale), ci spiega le caratteristiche del funding italiano e come le start up potranno cambiare il panorama industriale italiano.

Secondo il presidente di #Assodigitale.it la variabile sta nella scelta del legislatore italiano, saldamente ancorata alla forma dell’equity, dell’investimento nel capitale sociale. La formula d’oltreoceano ha sicuramente maggiore appeal: soldi in cambio di un prodotto o un servizio. In pratica si tratta di commercio elettronico, ovvero meno rischi per chi investe, maggiore possibilità di raccolta finanziaria per chi produce.
Negli Stati Uniti – conclude Ficara – il modello piace, la scelta italiana dovrà superare le reticenze dei risparmiatori, tradizionalmente legati ad altre formule di remunerazione del capitale.

>> Leggi l’intervista

 


Starthappy
è un programma promosso da Italiaonline per supportare le più innovative startup italiane con tecnologia cloud e visibilità sul web.
Starthappy funziona così:
● le startup italiane richiedono accesso al programma;
● i partner istituzionali di Starthappy (incubatori, venture capital, università) selezionano le startup più meritevoli;
● Italiaonline mette gratuitamente a disposizione delle startup selezionate spazio cloud e spazi di visibilità online.
 

Start up digitali, la scommessa del crowdfunding online. Intervista a ...