Sigarette, addio pacchetto da 10. Cosa cambia dal 20 maggio

Dal 20 maggio in vigore le nuove regole per la vendita dei prodotti del tabacco

Dal prossimo venerdì 20 maggio entreranno in vigore le nuove regole sui prodotti del tabacco riportate dalla direttiva UE del 2014. Molti i cambiamenti sul fattore estetico e sulla dimensione dei pacchetti delle sigarette.

Non potranno essere più venduti pacchetti da 10 sigarette, e anche quelli da 20 cambieranno sostanzialmente contenendo immagini shock per disincentivare la dipendenza da tabacco: le foto ritrarranno malati oncologici e figureranno in entrambi i lati dei pacchetti. In più verrà riportato un numero verde dell’Osservatorio presso l’Iss: 800554088. Le avvertenze combinate fra testo e immagini a colori sulle sigarette occuperanno il 65% del pacchetto. Non sono previsti periodi di transizione, ma la normativa permetterà la vendita dei vecchi pacchetti di sigarette per i prossimi 12 mesi.

Le regole cambiano anche per la vendita del tabacco, le cui confezioni non potranno contenere meno di 30 grammi. Inoltre, divieto di vendita ai minori di 18 anni anche sulle sigarette elettroniche. Addio pure alle sigarette aromatizzate. Per chi violerà le nuove norme, e si intendono sia i consumatori che i produttori, sono previste multe particolarmente fino a 5mila euro.

La nuova normativa coinvolgerà un quarto della popolazione anche se solo 13 Stati (tra cui anche l’Italia) su 28 sono pronti al cambiamento.

NUMERI – Secondo i dati più recenti, diffusi durante la presentazione della campagna, in Italia i fumatori sono circa 10,3 milioni (19,5%) sui 52,3 milioni di abitanti con età superiore ai 14 anni. La popolazione dei tabagisti si divide in 6,2 milioni uomini (24,5%) e 4,1 milioni donne (14,8%). Il 70% dei consumatori inizia a fumare prima dei 18 anni di età e il 94% prima dei 25 anni. I dati delle morti da tabacco sono sconcertanti: solo nell’UE si contano 700mila decessi l’anno per malattie legate al fumo, che costano ai servizi sanitari nazionali non meno di 25 miliardi (e altri 8,3 come perdita di produttività). Con l’approvazione delle nuove misure si conta di abbassare la dipendenza da nicotina del 5%, con un risparmio di circa 506 mln di euro per l’assistenza sanitaria.

Leggi anche:
Sigarette, scatta l’aumento: costano 20 centesimi in più
Lorenzin: tassa di 1 cent sulle sigarette per finanziare la ricerca sul cancro
Le sigarette di contrabbando finanziano il terrorismo
Cassazione, tolleranza zero contro fumo passivo: il datore di lavoro è responsabile
La campagna: stop fumo passivo per gli animali domestici

Sigarette, addio pacchetto da 10. Cosa cambia dal 20 maggio
Sigarette, addio pacchetto da 10. Cosa cambia dal 20 maggio