Sblocca Cantieri è legge: da codice appalti a videosorveglianza, le novità

La Camera ha approvato in via definitiva il decreto. I voti favorevoli sono stati 259, i contrari 75, gli astenuti 45.

Lo ‘sblocca cantieri’ è legge. Dopo il via libera della Camera il provvedimento attende solo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale e l’approvazione di una ventina di decreti attuativi. “Ora siamo nella condizione di accelerare sul completamento delle opere infrastrutturali e sui cantieri ancora aperti”, commenta il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “Con meno burocrazia, più trasparenza e tempi rapidi, oggi facciamo ripartire i cantieri e l’occupazione – ha detto il vicepremier Luigi Di Maio -, rimettendo in moto l’economia e un settore chiave come quello delle costruzioni. Avanti così, certi che i cittadini, al momento opportuno, sapranno trarre le proprie valutazioni!”.

Sospensione fino al 31 dicembre 2020 di alcune norme contenute nel Codice degli appalti, così come dell’albo Anac e nuova soglia per i subappalti sono tra le principali novità inserite nel corso dell’esame in parlamento. Misure che si vanno ad aggiungere al testo arrivato in parlamento, che fa lievitare il totale degli articoli a 49, suddivisi in 3 capi.

I capitoli principali si occupano di: norme in materia di contratti pubblici, di accelerazione degli interventi infrastrutturali, e di rigenerazione urbana; disposizioni relative agli eventi sismici della regione Molise e dell’area etnea; disposizioni relative agli eventi sismici dell’Abruzzo nell’anno 2009, del nord e del centro Italia negli anni 2012, 2016 e 2017 e nei comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno dell’isola di Ischia nel 2017.

Entrando nello specifico delle norme, vengono assegnati dei ‘super poteri’ ai commissari straordinari, nel tentativo di accelerare i lavori di interventi ritenuti prioritari, come dighe, ponti, strade, gallerie. E poi, ancora, misure per velocizzare la rigenerazione urbana, la ricostruzione post sisma, introduzione di un sistema di alert, via cellulare, per avvertire i cittadini di pericoli, ma anche informazioni, legati al maltempo e agli eventi sismici.

CODICE APPALTI: Stop fino al 31 dicembre 2020 al alcune norme del codice degli appalti. In particolare vengono sospese le modalità con le quali i comuni non capoluogo di provincia devono provvedere agli acquisti di lavori, servizi e forniture (cioè attraverso centrali uniche di committenza, unioni di comuni o stazioni uniche appaltanti).

ALBO ANAC: Viene rinviato (al 31 dicembre 2020) il divieto di appalto integrato e l’obbligo di scegliere i commissari tra gli esperti iscritti all’albo Anac.

DISCIPLINA SEMPLIFICATA: Fino al 31 dicembre 2020 è prevista una disciplina semplificata per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria: passa da 50 a 75 milioni di euro il limite d’importo oltre i quali è obbligatorio il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici; viene istituito un collegio consultivo tecnico per prevenire le controversie nelle fasi esecutive del contratto.

ALERT SISMA E MALTEMPO: E’ prevista l’attivazione del sistema di allarme pubblico (denominato ‘It-alert’) finalizzato alla trasmissione ai cellulari dei cittadini residenti in una determinata area geografica, di informazioni e messaggi di allerta riguardanti gli scenari di rischio, l’organizzazione dei servizi di protezione civile del proprio territorio e le azioni raccomandate per ridurre i rischi e attenuare le conseguenze derivanti dagli eventi calamitosi previsti.

SORVEGLIANZA ASILI: E’ previsto uno stanziamento per l’stallazione di sistemi di videosorveglianza presso le strutture per minori, come gli asili, e per gli anziani.

TERREMOTI 1980 E 1981: E’ arrivato il momento di completare gli interventi infrastrutturali nei comuni delle regioni Campania, Basilicata, Puglia e Calabria colpiti dagli eventi sismici del novembre 1980 e del febbraio 1981.

SPORT E SALUTE SPA: La società Sport e salute spa diventa la centrale di committenza nel settore dello sport; di conseguenza le vengono attribuite le risorse, già destinate al Coni, del Fondo sport e periferie.

SUBAPPALTO: Viene fissata al 40% l’importo complessivo del contratto di lavoro che potrà essere affidato in subappalto. La misura sarà in vigore fino al 31 dicembre 2020.

COMMISSARI: Vengono introdotte una serie di misure riguardanti, la nomina e le funzioni dei commissari straordinari per interventi infrastrutturali ritenuti prioritari, tra cui: la sicurezza del sistema idrico del Gran Sasso; il completamento del Mose; la rete viaria della regione Siciliana.

PONTE MORANDI: Il commissario individua, con propria ordinanza, i criteri e le modalità per la concessione di forme di ristoro di danni subiti dai cittadini residenti nelle zone interessate dalle attività di cantiere, nel limite complessivo di 7 milioni di euro.

6.000 CAMPANILI: Si chiudono i programmi infrastrutturali ‘6.000 Campanili’ e ‘Nuovi progetti di intervento’. Le risorse risparmiate andranno all’istituzione di un nuovo programma di interventi infrastrutturali per piccoli comuni fino a 3.500 abitanti

LIONI-GROTTAMINARDA: Viene disposto che la regione Campania debba provvedere al completamento della Lioni-Grottaminarda, in irpinia, nel tratto Collegamento A3 (Contursi)-SS 7var (Lioni)- A 16 (Grottaminarda) – A14 (Termoli).

ITALIA INFRASTRUTTURE spa: Nasce la società per azioni ‘Italia infrastrutture spa’, per la celere cantierizzazione delle opere pubbliche.

CONDOMINI: Per gli edifici condominiali degradati o ubicati nelle aree degradate viene nominato un amministratore giudiziario, che prenderà decisioni al posto dell’assemblea di condominio.

RIFIUTI ROMA: Entro 60 giorni dovrà essere completato l’iter autorizzativo per impiantistica connessa alla gestione aerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani (Forsu) e dei rifiuti organici della regione Lazio e della città di Roma Capitale.

EDILIZIA SANITA’: Vengono introdotte disposizioni al fine di assicurare una tempestiva realizzazione degli interventi di edilizia sanitaria ritenuti prioritari, con l’obiettivo di evitare l’automatica risoluzione degli accordi di programma per i quali non risulti presentata la relativa richiesta di ammissione a finanziamento. Slavi anche gli accordi ammessi al finanziamento, per i quali gli enti non abbiano proceduto all’aggiudicazione dei lavori ed è scaduto il termine di proroga eventualmente autorizzato dal Ministero della salute.

EDIFICI E COMUNI: Sono salvi i contributi erogati in favore dei comuni, per le opere di messa in sicurezza degli edifici e del territorio, ma che si rischiava di perdere a causa dell’inosservanza degli obblighi e dei termini previsti, potranno . Le modifiche introdotte stabiliscono delle eccezioni, per consentire di portare a compimento le opere previste.

CASERME VIGILI DEL FUOCO: E’ autorizzata la spesa di 5 milioni di euro all’anno, per il periodo 2019-2023, per l’acquisto e la costruzione di nuove sedi di servizio del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e per l’adeguamento, anche strutturale, e l’ammodernamento di quelle esistenti.

RIGENERAZIONE URBANA: Vengono introdotte misure per la riqualificazione del patrimonio edilizio e delle aree urbane degradate, la riduzione del consumo di suolo, lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili e il miglioramento e l’adeguamento sismico del patrimonio edilizio esistente.

MONDIALI CORTINA 2020-2021: Il termine per la consegna delle opere previste dal piano degli interventi viene spostata dal termine attualmente fissato al 31 dicembre 2019 al 31 gennaio 2021. Gli eventi previsti sono le finali di coppa del mondo e campionati mondiali di sci alpino, che si terranno a Cortina d’Ampezzo, rispettivamente, nel marzo 2020 e nel febbraio 2021.

ACQUE REFLUE: Il commissario unico per il trattamento delle acque reflue urbane avrà il compito di coordinamento e di realizzazione di interventi funzionali per evitare l’aggravamento delle procedure di infrazione.

FONDO SISMA: Nasce il fondo per la ricostruzione a favore dei territori colpiti dai terremoti delle province di Campobasso e di Catania, con una dotazione di 275,7 milioni di euro dal 2019 al 2023. A queste risorse si aggiungono 4,21 milioni di euro nel 2019-2021 per la sospensione dei termini del pagamento delle tasse per i fabbricati colpiti dal sisma di Molise e Sicilia; e 10,5 milioni di euro di contributo extra per il 2019 per la ricostruzione de L’Aquila. In tutto le risorse impegnate sono circa 300 milioni su più anni.

ABRUZZO, LAZIO, MARCHE E MOLISE: Vengono introdotte misure per semplificare e dare impulso alla ricostruzione pubblica delle zone colpite dai terremoti del 2016-2017. IMPRESE: Vengono introdotte misure per semplificare le procedure per l’immediato ristoro dei danni subiti dalle attività economiche e produttive e dai privati a seguito di eventi calamitosi. Si consente l’utilizzo di risorse ‘cash’ a fronte di risorse già attivate con il meccanismo del credito di imposta.

In collaborazione con Adnkronos

Sblocca Cantieri è legge: da codice appalti a videosorveglianza, le&n...