Saldi estivi 2016: le date di inizio saldi in Liguria

Saldi estivi 2016 in Liguria: ecco quando è iniziato il periodo degli sconti e fino a che giorno si potrà acquistare capi a prezzi bassissimi

I saldi estivi 2016 in Liguria, così come nelle restanti regioni della penisola italiana, sono molto attesi dai fashion addicted e non solo. Molte famiglie scelgono infatti di concentrare in questo periodo la maggior parte degli acquisti relativi a vestiti, scarpe e accessori, così da poter spendere poco pur comprando molti capi. Ogni regione ha individuato una data a partire dalla quale tutti i negozianti sono autorizzati ad applicare gli sconti sulla merce: per quel che riguarda i saldi estivi 2016 in Liguria, è stato scelto sabato 2 luglio.

Il territorio ligure, preceduto solo dalla Sicilia (1 luglio), è stato uno dei primi a poter redigere i bilanci sull’affluenza dei consumatori nei negozi. La Federmoda Ascom Genova ha di fatto riscontrato un avvio molto fiacco che ha fatto preoccupare i commercianti. In linea con quanto spiegato dal presidente Gianni Prazzoli, ciò può essere legato a vari fattori, ma quelli più plausibili sono le condizioni meteorologiche, che possono aver scoraggiato l’uscita di potenziali acquirenti, e la mancanza di segni di ripresa economica nella regione ligure.

Ad oggi i bilanci continuano ad indicare un’affluenza non molto elevata, cosa che invece si è registrata in altri territori italiani. Intanto i commercianti continuano a sperare che tali dati mostrino un picco entro la fine dei saldi estivi 2016 in Liguria, che è stata fissata a lunedì 15 agosto. Fino a tale giorno si potranno acquistare capi di abbigliamento, biancheria, scarpe e accessori a prezzi che subiranno sconti sempre più elevati all’avvicinarsi del termine ultimo. Questo perché i venditori necessitano di fare spazio alla nuova collezione autunno-inverno, che ben presto verrà disposta su tutti gli scaffali dei punti vendita.

Al momento gli sconti non superano il 50% e ciò ha spinto una fetta di clientela ad attendere che i commercianti applichino percentuali ben maggiori. Ciò può comportare un rischio, soprattutto nel caso in cui si portano taglie molto diffuse che sono soggette ad esaurirsi nel giro di poco tempo, ma dall’altra parte può far sì che si possa concludere un vero e proprio affare. Intanto la Federconsumatori consiglia agli amanti dello shopping scontato di non acquistare capi con decurtazioni superiori al 50%, in quanto possono appartenere agli anni passati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Saldi estivi 2016: le date di inizio saldi in Liguria