Rimborso banche, ecco come ottenerlo. La guida in 12 risposte

Ottenere il rimborso delle banche che sono finite in default non è più impossibile. Questo grazie a un salvataggio del governo italiano, che ha previsto un piano per rimborsare i risparmiatori

Il rimborso delle banche è ora possibile grazie all’approvazione del decreto legislativo per gli indennizzi a tutti cittadini che avevano acquistato i bond dei principali 4 istituti di credito finiti in default.

  1. Il decreto legislativo è stato approvato dal Consiglio dei Ministri e riguarda i risparmiatori che hanno acquistato delle obbligazioni nella Banca Etruria, in quella CariChieti o CariFe, e nella Banca Marche.
  2. I cittadini che hanno acquistato i titoli delle banche nominate tramite broker, non possono ricevere il rimborso.
  3. L’entità dell’indennizzo è pari all’80% del totale depositato.
  4. Il rimborso è destinato unicamente a tutti i cittadini con un reddito annuo pari o inferiore ai 35.000 euro o con un patrimonio immobiliare inferiore ai 100.000 euro.
  5. Per richiedere il rimborso delle banche, bisognerà presentare la Dichiarazione dei Redditi nell’anno 2015 oppure il certificato Isee , con l’aggiunta dei documenti sottoscritti con la banca.
  6. Per poter avere diritto al rimborso, bisogna anche aver acquistato tutte le obbligazioni prima di giugno 2014.
  7. Come riferito dal Ministro Padoan, solo la metà di coloro che avevano acquistato le obbligazioni possono avere il diritto al rimborso senza arbitrato. Su 10.000 di clienti totali delle 4 banche, solo 5.000, dunque, hanno diritto a ricevere l’indennizzo direttamente. Questo numero è pari all’1% del totale di clienti delle banche italiane.
  8. La domanda di rimborso delle banche dev’essere presentata dopo il 2 luglio di quest’anno. In questa data finirà la procedura di approvazione. Tuttavia, bisogna ricordarsi che è possibile presentare la domanda soltanto entro 4 mesi dal 2 luglio 2016.
  9. La richiesta di rimborso, insieme ai vari documenti, dovrà essere presentata al Fondo di solidarietà. Quest’ultimo avrà 2 mesi di tempo per mettere il denaro destinato ai risparmiatori.
  10. E se le obbligazioni bancarie sono state acquistate dopo il 2014? Il rimborso potrà comunque essere richiesto ma, soltanto avvalendosi della funzione di arbitrato.
  11. Ugualmente, chi vorrà ricevere il 100% della somma iniziale, potrà farne richiesta ma, solo attraverso l’arbitrato.
  12. Bisogna comunque ricordarsi, che commettendo errori nella compilazione della documentazione ufficiale da presentare al Fondo di solidarietà si rischiano anche sanzioni di tipo penale. La compilazione di tutta la documentazione dev’essere perciò svolta prestando la massima attenzione a ogni dettaglio.

Rimborso banche, ecco come ottenerlo. La guida in 12 risposte