Richiesta fido bancario: come fare

Il fido bancario è uno dei canali privilegiati per ottenere risorse dalle banche

Il fido bancario è uno dei mezzi preferiti da privati e aziende per finanziare acquisti o investimenti, o semplicemente per disporre di liquidità. Consiste in un accordo contrattuale in cui la banca mette a disposizione del cliente una somma di denaro, dietro adeguato corrispettivo e talvolta con una garanzia. Quando questa è assente si parla di fido scoperto, quando invece è prevista si parla di fido garantito. La garanzia può essere reale o personale.

L’apertura del fido fa nascere l’obbligo di restituzione delle somme in capo al cliente. La restituzione non fa cessare la validità della garanzia, che rimane in vita fino alla scadenza. Questa può essere a tempo determinato o indeterminato: in tal caso le parti possono recedere, col dovuto preavviso. Se a tempo determinato per recedere è richiesta una giusta causa.

Per richiedere un fido bisogna avere il conto corrente presso la banca a cui si richiede (o aprirlo), e compilare i moduli informativi che vengono forniti. I privati devono fornire alla banca i propri documenti e, come detto in precedenza, devono munirsi di garanzia. E’ importante non risultare dei cattivi pagatori presso la Centrale dei Rischi.

Le aziende devono invece presentare i bilanci degli ultimi tre esercizi, il bilancio previsionale con gli investimenti previsti, lo statuto e l’atto costitutivo. Tali documenti vengono integrati con i dati provenienti dalla Centrale dei rischi. La banca utilizza queste informazioni per valutare il merito creditizio dell’eventuale cliente, cioè la sua capacità di restituire il prestito.

Le somme eventualmente accordate vengono messe a disposizione sul conto corrente. Se per esempio si dispone di 1.000 euro e se ne utilizza 1.001 il conto corrente sarà in “scoperto” per 1 euro. Quando lo scoperto supera un certo importo si dovrà pagare una commissione fissa determinata dal contratto. Le commissioni sul fido si aggirano intorno allo 0,5% a trimestre sul capitale a disposizione del cliente.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche:
Fido bancario: funzionamento e caratteristiche
Conto corrente, stop alle commissioni selvagge su scoperto e fido
Stop alle commissioni bancarie per i conti delle famiglie ‘scoperti’ fino a 500 euro

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Richiesta fido bancario: come fare