Renzi, altro bonus da 80 euro. Questa volta alle pensioni

Il premier ne ha parlato direttamente sui Social

La Legge per Tutti“C’è allo studio l’ipotesi di allargare il bonus da 80 euro non solo ai 10 milioni di italiani che prendono meno di 1500 euro o a chi serve con una uniforme il nostro paese. Ma anche quello di darli in prospettiva a chi prende la pensione minima. Vedremo se saremo in grado di farlo”.

Così il premier Matteo Renzi ha anticipato la probabile prossima istituzione di un altro bonus da 80 euro.

BONUS RENZI: COS’E’
Il primo e più importante equivoco da sciogliere è che il bonus non è un bonus, ma una misura che permette lo sgravio del costo del lavoro, di conseguenza viene concesso a chi ha un reddito da lavoro dipendente o assimilato.
Introdotto dal 2014 in misura temporanea e dal 2015 con la legge di stabilità esso è concesso a tutti i lavoratori dipendenti o assimilati e viene introdotto all’interno della busta paga in una voce dedicata che (a beneficio dell’equivoco a cui abbiamo accennato) viene generalmente indicata come “bonus Renzi”.
L’importo previsto è di 80 euro al mese per un totale di 960 euro per i redditi che vanno dalla soglia di esenzione (dunque 8mila euro nell’anno fiscale 2015) ai 26mila euro, con una riduzione progressiva dell’importo dai 24mila ai 26mila euro.

A CHI SPETTA
Già dal 2015 il bonus Renzi, spetta come detto a tutti i lavoratori dipendenti o assimilati con un reddito tra gli 8mila e i 26mila euro. Rientrano in queste categorie:

  • lavoratori che hanno stipulato contratti a progetto
  • lavoratori che hanno stipulato contratti a tempo determinato
  • lavoratori che percepiscono gli assegni di mobilità
  • lavoratori in cassa integrazione
  • lavoratori che risultano disoccupati e che percepiscono indennità di disoccupazione
  • titolari di assegni legati a formazione professionale o borse di studio
  • lavoratori che risultano soci di cooperative
  • i lavoratori socialmente utili
  • coloro che percepiscono remunerazioni sacerdotali.

COSA CAMBIA NEL 2016
Nel 2016 il bonus viene esteso ad alcune categorie di dipendenti che non erano inclusi sino ad oggi: le Forze dell’Ordine. Percepiranno dunque il bonus in busta paga:

  • Polizia
  • Carabinieri
  • Vigili del fuoco
  • Esercito
  • Capitaneria di porto

BONUS RENZI E PENSIONI MINIME
Una delle novità che ha annunciato Renzi in un suo comunicato social di ieri (nella sessione del question-time social “Matteo Risponde”) è che sarebbe in via di studio l’estensione del bonus di 80 euro ai percettori di pensione minima.
Naturalmente la notizia, accolta con grande favore dai sindacati che sperano non si tratti di un annuncio infondato, ha suscitato l’interesse di una fascia di popolazione che prima tra tutti sarebbe interessata ad avere un incremento di questa entità.

PENSIONI MINIME: QUALI
Le pensioni minime sono definite dall’INPS come quelle di importo inferiore a 500 euro mensili. Allo stato attuale si tratta di una platea di oltre 2 milioni di pensionati per i quali un incremento di 80 euro corrisponderebbe ad un aumento del 20% circa (in media) del reddito percepito mensilmente. La prudenza del Premier in questo caso è giustificata, visto che si tratterebbe ovviamente di un intervento particolarmente importante in termini economici.

BONUS RENZI: CHI LO DEVE RESTITUIRE
Abbiamo detto in precedenti articoli (Bonus 80 euro da restituire: i contribuenti interessati e anche Incapienti: non percepiscono gli 80 euro ma li restituiscono) come il bonus sia a rischio di restituzione qualora le condizioni lavorative cambino nel corso dell’anno. Sia che ci si aspetti un reddito inferiore ai 26mila euro e poi invece per ragioni diverse si arrivi a dichiarare più di quell’importo, sia che ci si attenda di ottenere un reddito maggiore di 8mila euro e per ragioni derivanti dalla crisi o dalla riduzione del lavoro l’importo percepito sia inferiore a fine anno, si presenta difatti il rischio di una restituzione dell’importo alle casse dello stato. Quest’anno la brutta sorpresa è toccata al 12% dei lavoratori che avevano percepito il bonus (leggi al riguardo: Bonus Renzi, ecco in quanti lo restituiscono).

Leggi anche:
Bonus 80 euro: cosa cambia nel 2016
Bonus familiari e agevolazioni: quali rimarranno nel 2016
Bonus Inps Giovani Genitori da 5000 Euro, chi ne ha diritto?
In pensione a 75 anni. La proposta di Cameron anche per l’Italia

Renzi, altro bonus da 80 euro. Questa volta alle pensioni