Reddito minimo garantito da 560 euro, gli effetti: meno ansia e più voglia di cercare lavoro

Gli effetti di un esperimento che si sta svolgendo in Finlandia da un anno: 560 euro di reddito garantito a 2000 disoccupati

Da gennaio 2017 la Finlandia ha dato il via a una sperimentazione sul reddito minimo garantito: ovvero 560 euro a 2mila disoccupati, scelti in una fascia d’età tra i 25 e i 58 anni. Nessuno è obbligato a cercare lavoro ed è libero, se vuole, di trovarsene uno. Tra i primi effetti della sperimentazione: meno ansia e più voglia di cercare lavoro.

COME FUNZIONA – Così funziona l’esperimento, unico al mondo, lanciato nel paese nordico col più alto tasso di disoccupazione della regione. I duemila disoccupati che usufruiscono del reddito base non devono fornire giustificazioni sul modo in cui spendono i soldi. La somma viene detratta da altri eventuali sussidi ricevuti. Il salario base viene mantenuto anche nel caso in cui il beneficiario trovi un lavoro.

LO SCOPO – Introducendo questa forma di reddito universale, il Governo finlandese spera di incentivare i disoccupati a cercare anche lavori a breve termine o stagionali che di solito vengono rifiutati nel timore di perdere il sussidio di disoccupazione. “È un esperimento e sicuramente insisteremo”, ha spiegato al Guardian Markus Kanerva, specialista in Scienze sociali e comportamentali applicate dell’ufficio del primo ministro a Helsinki. “Vogliamo studiare quali conseguenze il reddito minimo garantito ha nel comportamento e nella qualità della vita di un campione di cittadini disoccupati; ma è ovvio che estenderlo a tutti i senza lavoro, comporterebbe ben altre spese e strutturali modifiche del nostro già complesso sistema di welfare“.

GLI EFFETTI – Due sono gli effetti più evidenti di questo primo anno di sperimentazione del reddito minimo: meno ansia e stress, più voglia di trovare lavoro. Pur essendo assolutamente insufficienti a vivere in un paese dagli alti costi, i 560 euro libererebbero infatti le persone dall’abitudine di vivere di sussidi e farebbero così recuperare lo stimolo a cercare un impiego e a rientrare nel mercato. Scatterebbe poi un senso di riconoscenza verso le istituzioni e questo motiverebbe le persone a dedicare più tempo al volontariato. Tra queste 2.000 persone, l’ansia e la preoccupazione sarebbero diminuite e questo – a detta degli amministratori finlandesi – potrebbe anche portare a un calo delle spese della sanità pubblica.

Leggi anche:
Canada, il reddito minimo garantito per tutti diventa realtà 
2.200 euro per tutti: Zurigo lancia il reddito incondizionato
Reddito minimo: chi ne beneficerebbe in Italia
Reddito di cittadinanza: come funziona in Europa
Reddito di cittadinanza alla livornese: 500 euro al mese

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Reddito minimo garantito da 560 euro, gli effetti: meno ansia e più v...