Reddito di cittadinanza più basso per chi ha la casa di proprietà

Ci saranno alcune sostanziali differenze nell'erogazione dei 780 euro

Il reddito di cittadinanza entra in Manovra, ma con dei paletti; uno dei quali è la proprietà o meno della casa.

A chiarirlo è lo stesso ministro e vicepremier Di Maio, che intervistato qualche giorno fa da Rtl 102.5, ha parlato di ‘affitto imputato’ da scalare a coloro i quali, pur privi di reddito, risulteranno proprietari di un appartamento, magari ereditato dai genitori defunti.

Come funzionerà, dunque, l’erogazione RdC per gli intestatari di una casa? Secondo il vicepremier, il cittadino “chiede di entrare nel programma di Reddito di cittadinanza e dei 780 euro cui ha diritto, perché a reddito zero, ma gli viene stornato il cosiddetto ‘affitto imputato’. I 780 euro – spiega Di Maio – nascono perché quella è la soglia di sopravvivenza di una persona. Il reddito si compone del diritto a mangiare e il diritto a vivere in una casa: se tu hai già la casa, io non ti devo dare l’equivalente dell’affitto, quindi scende la quota e si tagliano circa 400 euro”.

380 euro circa, quindi, sui 780 previsti. Ma cos’è l’affitto imputato? In breve, il cosiddetto ‘affitto imputato’ è il calcolo del valore – basato sui prezzi di mercato – dell’ipotetica spesa sostenuta per l’affitto della casa di proprietà (o concessa in usufrutto) in cui si vive.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Tasse, pensioni, reddito: tutti i numeri della legge di Bilancio
Tria, lettera a Bruxelles: Pil in crescita dell’1,5% nel 2019, dell’16% nel 2020
DEF, nel 2019 misure per 20 miliardi. Conte: “Manovra seria, responsabile e coraggiosa”
Reddito di cittadinanza: che fine faranno Naspi e Rei
Reddito di cittadinanza sulla tessera sanitaria, come si potrà usare
Reddito di cittadinanza: bancomat o app per usarlo, con controllo sugli acquisti

Reddito di cittadinanza più basso per chi ha la casa di propriet...