Rc auto, vita dura per i neopatentati a Napoli: per un diciottenne costa il 150% in più che al coetaneo di Milano

Patente di guida: in Italia si prende dopo i 21 anni. Le donne al volante 1 anno più tardi rispetto agli uomini. Lo rivela Facile.it

(Teleborsa) Diciotto anni appena compiuti e un sogno uguale per tutti i ragazzi dello Stivale fin da bambini: prendere la patente. Occhio però perché a rendere il vostro sogno quasi un incubo potrebbe pensarci il costo dell’assicurazione. Lo rivela Facile.it che, rielaborando i dati ufficiali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha scoperto anche che, in media, gli italiani prendono la patente poco dopo aver compiuto i 21 anni e 2 mesi. Da un punto di vista assicurativo, ovviamente, non esistono parametri univoci che definiscano un neopatentato e ogni compagnia applica le proprie regole; in alcuni casi rientrano nella categoria persino coloro che hanno il titolo di guida da 3 anni. Ai fini dell’analisi, però, si è considerato come neopatentato solo chi ha conseguito l’abilitazione da meno di un anno. Fatte queste premesse, i neopatentati italiani sono risultati essere poco più di 554.000, ovvero l’1,55% degli automobilisti titolari di patente

Se a Milano la miglior tariffa per chi si mette al volante per la prima volta è pari a 746 euro, a Bologna sale a 871 euro mentre a Roma arriva a 943 euro e a Cagliari a 979 euro, brutte notizie se ci si sposta al Sud con Importi decisamente più alti dove la miglior tariffa per un nuovo automobilista neomaggiorenne residente a Palermo è pari a 1.152 euro, premio che sale a 1.234 euro per un coetaneo di Bari e, addirittura, a 1.924 euro se residente a Napoli.

E’ ANCORA NORD CONTRO SUD – “A dividere il Sud dal resto d’Italia – spiega Diego Palano, responsabile BU assicurazioni di Facile.it – sono, in primis, i costi dell’RC auto. Se esaminiamo, ad esempio, la differenza tra la miglior tariffa disponibile per un neopatentato diciottenne residente a Napoli ed un coetaneo che risiede a Milano, emerge che il primo deve pagare un premio più alto di oltre il 150%”

COSTA DI PIU’ MA AL SUD LA PATENTE ARRIVA PRIMA – Differenze non solo economiche ma anche rispetto all’età in cui si consegue la patente. Nel Meridione la licenza di guida si prende mediamente circa 8 mesi prima che nel resto d’Italia. Guardando la classifica regionale, gli automobilisti che conseguono la patente B ad un’età inferiore sono quelli residenti in Basilicata, Sicilia e Campania, dove, in media, ci si mette al volante a 20 anni e 7 mesi.

Leggendo la classifica nel senso opposto, invece, coloro che superano più tardi l’esame di guida sono i residenti della Sardegna (22 anni), della Liguria (21 anni e 11 mesi) e dell’Emilia Romagna (21 anni e 8 mesi).

In termini assoluti, le regioni che ospitano il maggior numero di neopatentati sono la Lombardia (88mila), la Campania (59mila) e il Lazio (51mila). Se si guarda invece al rapporto con il totale dei titolari di patente B, le aree con la percentuale maggiore sono la Campania (l’1,93% degli automobilisti è neopatentato), la Calabria (1,84%) e la Puglia (1,83%); quelle con la percentuale minore sono, invece, il Friuli Venezia Giulia (1,34%) e la Liguria (1,35%).

Le donne al volante più tardi degli uomini – Dati interessanti emergono anche in relazione alle differenze di genere; le donne, in media, si mettono alla guida per la prima volta a 21 anni e 9 mesi, oltre 1 anno più tardi rispetto agli uomini, che invece conseguono la patente a 20 anni e 8 mesi.

 

Rc auto, vita dura per i neopatentati a Napoli: per un diciottenne cos...