Rc auto: nel 2017 una polizza costa 339 euro (-3,7%)

"Per un risarcimento danni in media 2.516 euro": lo afferma l’Ivass in un report sull’assicurazione del comparto auto nel 2012-2017

(Teleborsa) I costi per assicurare la propria auto figurano nel lungo elenco di spese che siamo tenuti ad assolvere. Una voce che pesa non poco sul bilancio degli automobilisti, alle prese con altri oneri, e di riflesso, su quello delle famiglie italiane. Di che cifre stiamo parlando? Nel 2017 una polizza Rc auto, al netto del prelievo fiscale, costava in media 339 euro. Lo afferma l’Ivass in un report sull’assicurazione del comparto auto nel 2012-2017. La flessione dell’Rc auto nel 2017, con un -3,7% nel confronto con il 2016 considerando l’inflazione, “è più contenuta rispetto a quelle dei quattro anni precedenti”.

I NUMERI DEL SETTORE – L’anno scorso il settore auto raccoglieva 16 miliardi di euro di premi, rappresentando il 49,6% del totale dei rami danni: la quota, in calo negli ultimi anni, era pari al 57,1% nel 2012. Nel ramo Rc auto e natanti 43 imprese raccolgono 13,2 miliardi di premi (-2,2% sul 2016), valore in flessione da sei anni. È stabile il numero di sinistri con seguito (pari a 2,185 milioni nel 2017), dopo la forte diminuzione avvenuta tra 2011 e 2014. L’anno scorso la frequenza dei sinistri è stata del 6,12%, in lieve diminuzione rispetto al 2016. Un risarcimento danni per un sinistro costa in media 2.516 euro (+2,8% rispetto al 2012, tenendo conto dell’inflazione).

L’utile delle compagnie, “derivante anche dall’attività finanziaria e dalla riassicurazione passiva, ammonta a 696 milioni di euro (invariato rispetto al 2016), con un risultato per polizza di 18 euro (in forte diminuzione rispetto al 2013, quando valeva 63 euro)“. Se si considera soltanto l’attività assicurativa, “al netto dei risultati finanziari, il margine tecnico atteso per polizza emessa nel 2017 è negativo (-4 euro), da confrontare con i -2 euro del 2016 e i 65 euro del 2012”.

Rc auto: nel 2017 una polizza costa 339 euro (-3,7%)