Quanto si spende ogni mese per gestire il conto corrente?

Quali sono i costi da sostenere per poter avere un conto corrente? Ecco cosa sapere per riuscire a risparmiare ogni mese. 

Stangata è un termine che si sente spesso associato agli aumenti sui costi di un conto corrente, facendo riferimento a quelli delle banche tradizionali, ovvero dotate di filiali fisiche e di operatori allo sportello. 

Quanto può costare un conto corrente ogni mese, al punto che in molti sono arrivati a chiedersi se possa essere davvero ancora conveniente averne uno? Cerchiamo di capirci qualcosa in più e di analizzare le possibili soluzioni a prova di risparmio. 

Quali sono i conti correnti a zero spese con cui risparmiare

Costo del conto corrente: cosa considerare

Un conto corrente – a prescindere dalla tipologia presa in esame – sarà sempre caratterizzato da due diversi voci di spesa: i costi fissi e quelli variabili. Il primo costo fisso è il canone mensile di gestione. 

In pratica, molti conti prevedono un costo fisso da sostenere ogni mese (oppure su base annuale) per il possesso del conto corrente. A questo si aggiunge l’imposta di bollo, che però dipende dalla propria giacenza, quindi potrebbe anche non essere dovuta. 

Tra i costi variabili del conto, ci potrebbero poi essere:

  • le commissioni sui bonifici allo sportello;
  • i costi su operazioni quali i prelievi o i versamenti di contante sul conto, che potrebbero aumentare nel caso di prelievo presso un ATM di un altro istituto di credito. 

In questo caso, si parla di costi variabili in quanto al crescere delle operazioni effettuate nel corso di un anno o di un altro periodo di utilizzo dei servizi bancari, la spesa da sostenere sarà sicuramente maggiore.

Scopri i migliori conti correnti online per risparmiare

Come risparmiare con un conto corrente online

La sempre maggiore diffusione dei conti correnti online – noti anche come conti smart perché si possono gestire direttamente da remoto, tramite app e PC – ha portato diversi cambiamenti. 

In primo luogo, anche le banche più tradizionali si sono adattate al progresso e al cambiamento e hanno iniziato a lanciare sul mercato dei conti correnti le proprie proposte digitali – sensibilmente più economiche rispetto alle versioni canoniche. 

Un conto online non è altro che la diretta evoluzione del progresso tecnologico e della sempre maggiore diffusione di smartphone, app e Internet su mobile. Oggi ci sono app praticamente per qualsiasi cosa. 

Perché non farne anche una bancaria che sia totalmente sicura e permetta, al contempo, di gestire dal proprio telefono il proprio conto corrente? Quindi di effettuare in autonomia tutte le operazioni bancarie? 

Questa è stata un’altra delle novità dei conti correnti online, alle quali si è aggiunta la riduzione dei costi tradizionali, che si sono tradotti con:

  1. l’assenza del canone mensile di gestione;
  2. l’assenza, in molti casi, dell’imposta di bollo, a carico dell’istituto di credito;
  3. zero commissioni su operazioni bancarie online, quali i bonifici (almeno quelli SEPA e non istantanei);
  4. costi pari a zero per i prelievi di contante, anche presso gli ATM di altri istituti di credito. 

Confronta le migliori offerte di conti correnti online a zero spese

Come scegliere il miglior conto corrente online a zero spese

La comparazione tra i conti correnti è il modo migliore per riuscire a trovare un’offerta che si adatta perfettamente ai propri bisogni da correntista, in particolare nei casi in cui si sia alle prime armi e non si abbiano tanti soldi da gestire.

Una condizione simile, che è quella di un giovane che ha appena iniziato a lavorare, comporta in genere il bisogno di non spendere quasi nulla dal possesso del conto corrente o di poter usufruire, per un po’ di tempo, di condizioni vantaggiose. 

A questo proposito, sarebbe utile procedere con l’attivazione di un conto corrente per giovani (solitamente under 30 o under 35), con il quale sia possibile non pagare il canone mensile di gestione. 

In altri casi, quindi per chi vuole risparmiare pur avendo superato i 30 anni di età, si potrà puntare su soluzioni che permettono di azzerare il canone di gestione del conto tramite l’addebito dello stipendio o della pensione, oppure spendendo una determinata cifra ogni mese. 

Altre valutazioni che si possono fare per risparmiare su un conto corrente sono legate alla possibilità di poter ottenere carte di pagamento gratuite o a costi molto bassi. Buona parte dei conti correnti online di ultima generazione includono, infatti, delle carte di debito gratuite. 

In aggiunta, permettono in molti casi di richiedere delle carte di credito facili da ottenere, che presentano costi molto competitivi rispetto a quelli di mercato. Prestare attenzione anche alle opinioni di altri utenti che hanno già scelto lo stesso conto corrente, potrebbe essere un’ulteriore carta da giocare. 

Detto ciò, bisogna sempre partire che il concetto di miglior conto corrente è sempre molto relativo e che una soluzione può essere migliore per un determinato soggetto, perché corrisponde esattamente a quello che sta cercando.