Professori e ricercatori, arriva il bonus da 3000 euro

(Teleborsa) Piccole buone notizie in arrivo per quanti hanno trascorso (e tuttora trascorrono) la vita, almeno quella scolastica e universitaria, a spaccarsi la schiena sui libri. Tanta fatica, ma la gratificazione economica spesso non è all’altezza.

L’Anvur (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca) ha pubblicato un avviso che annuncia che è in arrivo un bonus da 3mila euro per le attività base di ricerca per ricercatori universitari e docenti di seconda fascia. 

A partire dal 2017, si ricorda nell’avviso, la legge di bilancio 11 dicembre 2016 n. 232 ha istituito, nel Fondo di Finanziamento Ordinario delle università statali (FFO), un’apposita sezione denominata “Fondo per le attività base di ricerca” che prevede uno stanziamento di 45.000.000 di euro l’anno per finanziare, appunto, le attività base di ricerca dei professori di seconda fascia e dei ricercatori, entrambi in servizio a tempo pieno.

LE CIFRE – L’importo individuale del finanziamento è pari a 3.000 euro per un totale di 15.000 finanziamenti individuali da assegnarsi in modo da soddisfare il 75% delle domande dei ricercatori e il 25% delle domande dei professori di seconda fascia.

COME E QUANDO PRESENTARE LA DOMANDA– La data utile per quanti vorranno sottoporre la domanda è fissata per il prossimo 10 luglio. L’iter è semplice, a portata di click: bisognerà, infatti, registrarsi online, accedendo alla propria area riservata sul sito loginmiur.cineca.it,  direttamente alla sezione “Finanziamento annuale individuale delle attività base di ricerca”.
L’altra data da segnare sul calendario per quanti sono interessati è quella che va dal 7 settembre al 30 settembre 2017, quando i soggetti ammessi dall’Anvur a richiedere il finanziamento potranno completare e inoltrare la domanda di finanziamento tramite l’apposita procedura telematica accessibile dal sito istituzionale dell’Anvur.

Professori e ricercatori, arriva il bonus da 3000 euro