Previsti Fondi EU 2016 per i Professionisti: cosa sono e come richiederli

La Legge di Stabilità 2016 prevede l'acceso per i professionisti dei Fondi UE che rintrano nella programmazione 2014-2020 per lo svilippo della propria professione per i quali prevede lo Sportello Informativo

La Legge di Stabilità del 2016 equipara i professionisti alle PMI poichè esercenti un’attività econimica, prevedendo anche per loro l’accesso ai Fondi UE che rientrano nella programmazione 2014-2020. In particolare i professionisti potranno accedere sia ai Fondi Sociali Europei (FSE) sia ai Fondi Europei di Sviluppo Regionale (FESR).
Per aiutare il professionista a reperire tutte le informazioni necessarie sui fondi e le modalità di erogazione, il Comitato Unitario delle Professioni ha previsto l’apertura di uno Sportello Informativo Fondi Ue professionisti.

Cos’ è e a cosa serve lo Sportello Informativo

L’apertura dello sportello informativo è prevista a Marzo 2016. Lo sportello servirà a fornire assistenza al professionista che intende partecipare ai bandi dei Fondi UE. Lo sportello è stato voluto dal Comitato Unitario delle Professioni (CUP) con un duplice obiettivo:

  • informare in modo adeguato i vari Ordini Professionali circa la possibilità di accedere ai finanziamenti europei per i proefessionisti;
  • supportare il professionista nella compilazione e nell’invio della relativa domanda.

Verranno fornite informazioni ed assistenza su: Finanziamenti a tasso zero, sul Microcredito, sul Fondo Porfessioni per la formazione, sul Fondo di garanzia nazionale ed infine sulla detrazione per la riqualifica energetica prevista per aumentare i livelli energetici degli edifici. Questa sarò pari al 65% dell’IRES o dell’ IRPEF

Quali sono nel dettaglio i Fondi UE per i professionisti

Vediamo quali sono nel dettaglio le forme di finanziamento europeo messe a disposizione ai professionisti.
Il primo Fondo UE messo a disposizione è il Finanziamento a tasso zero c.d. SELFIEmployment con cui i professionisti potranno ottenere fondi di un importo compreso tra € 5 mila e € 50 mila a tasso d’ intesse zero. E’ una forma di finanziamento destinata a favorire l’ autoimpiego e l’autoimprenditorialità per i giovani che hanno partecipato al progetto Garanzia Giovani.
Altro fondo UE è quello destinato ai professionisti già possessori di partita IVA. Per questi è previsto il Fondo Microcrediti con cui si potrà ottenere € 35 mila fino a 7 anni, per l’acquisto di beni stumentali e per i servizi connessi allo svolgimento dell’attività prefessionale; per pagare lo stipendio ad eventuali nuovi dipendentie soci o per frequentare corsi di formazione.
Vi è poi il Fondo di garanzia nazionale per i professionisti iscritti all’Ordine che prevede la possibilità di ottenere una garanzia da parte dello Stato sui finanziamenti erogati dalle banche o dalle società di intemediari finziari, per un importo pari all’ 80% del prestito ricevuto.
Infine i professionisti titolari di Studi Professionali o di aziende connesse, potranno accedere al Fondo Professioni per la formazione dei propri dipendenti. Si tratta di un finanziamento a fondo perduto.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Previsti Fondi EU 2016 per i Professionisti: cosa sono e come richiede...