Prelievo ATM: le carte con il massimale giornaliero più alto

Quali sono le carte di pagamento con il massimale giornaliero più alto: quanto si può prelevare presso gli ATM. 

Quando si parla dei prelievi ATM, ovvero della possibilità di prelevare contante a uno sportello automatico con una carta di pagamento, bisogna fare riferimento alla normativa in vigore in Italia. 

Quali sono le regole sull’uso del contante? Vediamo di seguito quali sono state le norme introdotte negli ultimi anni, analizzando qual è il massimale giornaliero delle carte di pagamento disponibili in circolazione. 

Quanti contanti si possono scambiare?

Ci sono diverse occasioni, come per esempio quella in cui si dà al proprietario di un appartamento in affitto un deposito cauzionale o una caparra per bloccare l’appartamento, nei quali lo scambio di denaro tra due persone potrebbe avvenire in contanti

La normativa in vigore prevede il fatto che non sia possibile scambiare contanti per un importo superiore a 1.999,99 euro: si tratta di un limite che sarà valido fino al 31 dicembre 2021. 

A partire dal 1° gennaio 2022, invece, il tetto massimo di contanti che si potranno dare a qualcuno – che sia un privato o un esercente – diventerà di 999,99 euro. Nella pratica:

  • al momento sono vietati gli scambi di denaro che superano i 2.000 euro;
  • dal prossimo anno, saranno vietati gli scambi che supereranno i 1.000 euro. 

Nel caso in cui si dovesse violare il limite in vigore, sarebbero previste delle sanzioni amministrative per entrambe le parti, che possono andare da 1.000 a 50.000 euro. Le regole in vigore sui limiti ai contanti non si applicano alle operazioni sul conto corrente, dal quale si potranno prelevare anche importi superiori. 

Prelievi mensili e giornalieri

La normativa sull’antiriciclaggio e sul contrasto alla criminalità organizzata prevede dei controlli del totale di prelievi che vengono effettuati da qualsiasi persona dal proprio conto corrente

Se nell’arco di un mese viene superata la soglia di 10.000 euro, la banca potrà richiedere informazioni al correntista in merito alla destinazione del denaro prelevato. Tuttavia, 10.000 euro non rappresenta un tetto massimo fissato dalla legge. 

La banca non potrà opporsi al fatto che vengano prelevati più di 10.000 euro in un mese, tuttavia avrà il diritto di fare dei controlli. Avrà inoltre la possibilità di decidere se informare la Uif, ovvero l’Unità di informazione finanziaria. In questa ipotesi, si parla di S.o.s., ovvero di Segnalazione di operazione sospetta

Per quanto riguarda, invece, i contanti che si possono prelevare nello stesso giorno non ci sono dei limiti imposti dalla legge. L’importo massimo che sarà possibile prelevare presso un ATM nel corso della stessa giornata dipende, invece, dagli accordi previsti tra la banca e il correntista

Clicca per conoscere le carte di pagamento con i limiti di prelievo più alti

Prelievo ATM e massimale giornaliero: chiarimenti

Abbiamo quindi detto che il massimale, giornaliero o mensile, di una carta non deriva da una normativa nazionale, ma dalle condizioni contrattuali proposte dai singoli istituti di credito. 

Quando ci si riferisce al massimale, di solito si fa una differenza tra:

  • il massimale previsto per i prelievi ATM;
  • il massimale relativo ai pagamenti tramite POS: il massimo che si potrà spendere ogni mese utilizzando la propria carta di pagamento prende il nome di plafond

Chi è titolare di una carta di pagamento ha comunque il diritto di richiedere alla propria banca di aumentare i massimali previsti. In relazione al prelievo giornaliero presso un ATM, si può invece distinguere tra:

  • un limite previsto per singola operazione;
  • il limite giornaliero che si potrà prelevare con la propria carta. 

Facendo alcuni esempi di carte di pagamento, il massimo di prelievo giornaliero è pari a:

  • 250 euro per la carta Hype;
  • 250 euro per la carta ViaBuy MasterCard;
  • 3.000 euro per la carta revolut. 

Limite di prelievo carta N26

Analizzando, invece, la carta conto con IBAN N26, è previsto un limite massimo di prelievo di 2.500 euro. Il limite giornaliero sarà invece pari a 1.000 euro nel caso in cui ci si trovi in Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Polonia, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Svezia e Svizzera.

Sarà, invece, pari a 400 euro nei seguenti Paesi:

  • Togo;
  • Congo;
  • Benin;
  • Costa d’Avorio;
  • Kenya;
  • Camerun;
  • Nigeria;
  • Senegal;
  • Algeria;
  • Repubblica Centrafricana;
  • Gambia;
  • Ghana;
  • Ruanda;
  • Tunisia;
  • Uganda.

Viene poi previsto un limite settimanale di prelievo in tutti i Paesi tranne Italia e Spagna, nei quali è pari a 20.000 euro, e in Francia, in cui corrisponde a 10.000 euro. 

Prelievo ATM: i limiti di altre carte

Tra le altre carte di pagamento che si potrebbe scegliere di attivare, si annovera la Postepay Evolution: per questa carta sono previsti limiti di prelievo che vanno tra i 600 e i 2.500 euro al mese. 

I limiti sono invece:

  • compresi tra i 300 e i 500 euro a settimana per le carte Visa Electron;
  • pari a 500 euro a settimana per la carte Visa Classic o MasterCard;
  • pari a 1.000 euro a settimana per la carte Visa premier o Gold MasterCard;
  • di 2.000 euro a settimana per la carte di credito Visa Platinum e Platinum MasterCard

Ci sono poi le carte di credito Visa Infinite e MasterCard World Elite che hanno un limite di prelievo settimanale di  4000 euro. Si tratta di valori generali di riferimento: per conoscere i massimali esatti di ogni singola carta di pagamento si consiglia sempre di leggere con estrema attenzione le condizioni contrattuali. 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Prelievo ATM: le carte con il massimale giornaliero più alto