Povertà sanitaria, il 37% degli italiani non può comprare medicine

In crescita soprattutto nel Nord Ovest e al Centro Italia

(Teleborsa) – Cresce in Italia la povertà sanitaria. Nel nostro Paese sono sempre più le persone che non riescono ad acquistare medicine, con una percentuale salita al 37%, il dato più alto degli ultimi anni. Sono infatti sempre più le famiglie che si rivolgono agli enti assistenziali, nel 2016 quasi il 10% in più rispetto allo scorso anno. Nell’ultimo triennio, la richiesta di farmaci è salita addirittura del 16%.

Ad oggi sono ben 1.663 gli enti sostenuti dal Banco Farmaceutico, che hanno fornito medicinali a oltre mezzo milione di persone. Geograficamente, gli aumenti maggiori di povertà sanitaria si registrano nel  ricco Nord Ovest (+90%) e al Centro (+84%).

In questo quadro, ha un peso non secondario l’afflusso di lavoratori stranieri: la crescita più significativa nella richiesta di medicine, infatti, è tra gli stranieri (+46%) e le persone over 65 (+43%).

Quello della povertà sanitaria è un tema sempre più attuale: nei primi otto mesi dell’anno il Banco farmaceutico ha raccolto 1,2 milioni di confezioni attraverso il sistema delle donazioni aziendali, cui si sono aggiunte ulteriori 350 mila confezioni nel corso della Giornata di raccolta del farmaco. Secondo il presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus “mai tante famiglie sono state costrette a rinunciare alle cure”.

Leggi anche:
Dal 15 novembre tetto agli stipendi dei dirigenti Rai. Ma non per le star
Non hai pagato il canone Rai? Arriva la maxi multa
Rai, tetto di 240mila euro per i compensi delle star della tv pubblica
Spese Rai, il programma di Veltroni costa 1 milione di euro a puntata
Online i maxi-stipendi Rai: molti ex prendono più di 200mila euro
Stipendi dei top manager in Italia: ai primi 10 oltre 5 milioni di euro

Povertà sanitaria, il 37% degli italiani non può comprare medicine
Povertà sanitaria, il 37% degli italiani non può comprare medic...