Posta elettronica certificata, istruzioni per l’uso

Dal 26 aprile è possibile crearsi una casella. Ma per il momento si può comunicare con solo il 40% delle Pa

Parte? Non parte? E’ partita (più o meno).
Dal 26 aprile ogni italiano è potenzialmente Pec-munito, può cioè attivare una casella di Posta elettronica certificata per le proprie comunicazioni con la pubblica amministrazione,

Ecco come attivare la propria casella.

Collegarsi al sito http://www.postacertificata.gov.it e seguire una procedura guidata che consentirà di inoltrare in tempo reale la richiesta.

A partire da 24 ore dopo la registrazione online e fino a un massimo di tre mesi dopo, ci si può recare presso uno degli uffici postali abilitati per l’identificazione e la conseguente firma sul modulo di adesione.

Per identificarsi sono necessari un documento di riconoscimento personale e uno comprovante il codice fiscale (o il codice fiscale in originale oppure la tessera sanitaria). All’ufficio postale dovranno essere consegnate anche le fotocopie di entrambi i documenti. Tutta la procedura è gratuita.

Come usarla?

Il mittente, al momento dell’invio, riceve dal proprio server una ricevuta di accettazione e dal server destinatario una ricevuta di consegna nella casella di arrivo. Tutte le operazioni effettuate attraverso la casella Pec, come ulteriore garanzia di sicurezza, vengono registrate e conservate per trenta mesi.

Problema: le pubbliche amministrazioni avrebbero dovuto attivare una Pec e inserirla nell’home page del proprio sito entro giugno 2009. L’ha fatto solo il 40%, 12.500 circa.
Quindi, dopo avere attivato la Pec, converrà controllare queli sono le Pa con cui si può effettivamente comunicare. Per farlo si consiglia di consultare l’archivio informatico accessibile attraverso il sito http://www.indicepa.gov.it.

A questa risorsa, si aggiungono il sito http://www.paginepecpa.gov.it – un motore di ricerca per gli indirizzi Pec – e i numeri verdi 800.104.464, da rete fissa, e 199.135.191, da rete mobile.
Sul sito di DigitPa (www.cnipa.gov.it) sarà poi disponibile una sezione di risposte a dubbi frequenti in tema di Pec e all’email osservatoriopostacertificata@digitpa.gov.it sarà possibile inviare osservazioni e proposte sull’uso della posta certificata.

Posta elettronica certificata, istruzioni per l’uso
Posta elettronica certificata, istruzioni per l’uso