Posso attivare una carta di credito con una banca dove non ho il conto?

Conto corrente con carta di credito inclusa: deve essere necessariamente il mio conto oppure no? Scopriamolo insieme. 

Una carta di credito è una particolare carta di pagamento attestante il credito concesso dalla banca al suo titolare: è infatti dotata di un fido che permette di pagare anche per importi superiori rispetto a quelli effettivamente disponibili sul conto. 

Proprio per questo motivo, si tratta di un servizio che non viene concesso a tutti con assoluta leggerezza, ma prevede dei controlli sulla situazione reddituale dei richiedenti. Da quanto appena detto, si può dedurre che sarà molto più semplice ottenere una carta di credito da una banca presso la quale si è già correntisti. 

L’istituto di credito, infatti, conoscerà la situazione creditizia del singolo correntista; quindi, potrà avere maggiori o minori difficoltà nel concedere l’emissione di una carta di credito che, in molti casi, potrà anche essere con esito immediato. 

Scopri le migliori carte di credito online per risparmiare

Si può avere una carta di credito con un conto diverso dal proprio?

Una carta di credito deve essere necessariamente collegata a un conto corrente: ci sono alcune società che emettono carte di credito (si pensi, ad esempio, ad American Express), le quali richiedono un conto corrente da associare alla carta, ovvero dal quale prelevare i soldi spesi. Il conto potrà essere quello di qualsiasi altro istituto di credito.  

Si può ben intuire come una banca non abbia interesse a rilasciare una carta di credito al correntista di un’altra banca: l’ideale sarebbe dunque quello di scegliere un conto corrente che preveda sia costi vantaggiosi, sia la possibilità di ottenere una carta di credito in tempi brevi

Solitamente fanno parte dei requisiti alla base dell’emissione:

  • il fatto di avere la cittadinanza italiana oppure europea;
  • l’accredito dello stipendio o della pensione;
  • garanzie legate al possesso di determinati redditi. 

Non si dovranno, inoltre, avere dei debiti o esseri iscritti al registro dei cattivi pagatori. La richiesta delle garanzie reddituali da parte della banca è importante in quanto rappresenta una forma di tutela per l’istituto di credito. 

Tutela necessaria per diversi motivi:

  • da un lato abbiamo infatti il già citato fido, che la banca concede “in prestito” al titolare della carta di credito: quest’ultimo è tenuto a restituire quanto ottenuto in anticipo nel rispetto di quanto stabilito dalle condizioni contrattuali;
  • dall’altro, nell’ipotesi di un eventuale furto o contraffazione della carta. 

Oggi è comunque più semplice riuscire a ottenere una carta di credito rispetto al passato:

  1. grazie al fatto che i requisiti per possederne una sono molto meno rigidi rispetto a qualche anno fa;
  2. in virtù della sempre maggiore diffusione dei conti correnti online. 

Scopri le carte di credito online più economiche

Come richiedere una carta di credito

Il passaggio che precede la richiesta di una carta di credito, da utilizzare per gli acquisti online e per quelli presso gli store fisici, dovrebbe essere l’attivazione di un conto corrente. Considerato che, negli ultimi anni, i conti tradizionali sono stati contrassegnati da diversi rincari, quello che si consiglia di fare consiste nella sottoscrizione di un conto corrente online. 

Quest’ultimo rappresenta una soluzione a zero spese, con la quale si potrà risparmiare rispetto ai costi canonici di un conto corrente. Si tratta, nello specifico, di:

  • il costo del canone mensile di gestione;
  • l’eventuale imposta di bollo da sostenere per le giacenze medie trimestrali superiori a 5.000 euro;
  • i costi applicati su operazioni quali bonifici e prelievi di contante, in particolare per quelli presso gli ATM di altre banche. 

Attiva un conto corrente online con carta di credito inclusa

La carta di credito può essere richiesta subito dopo aver attivato il conto, presentando, oltre ai propri documenti, la relativa documentazione attestante il proprio reddito. A seconda dei casi, potrebbe trattarsi:

  • della busta paga, per il lavoratore dipendente;
  • del cedolino, nel caso in cui si fosse pensionati;
  • della dichiarazione dei redditi, per i lavoratori autonomi;
  • del permesso di soggiorno, qualora il richiedente avesse la residenza in Italia, ma non fosse cittadino italiano. 

La richiesta potrà essere inoltrata direttamente online, tramite i servizi di home banking o mobile banking, oppure recandosi fisicamente presso la filiale bancaria (in questo caso si dovrà portare con sé la documentazione necessaria). 

Per quanto riguarda i costi delle carte di credito, rispetto ad altre carte di pagamento (carte di debito e carte prepagate), che sono solitamente a costo zero, è in genere previsto un canone mensile o annuale. 

La regola prevede che maggiore sarà il plafond della carta, maggiore il canone da pagare: questo perché la carta di credito sarà in questi casi caratterizzata dalla presenza di diversi servizi aggiuntivi, che la renderanno un prodotto ben al di là di una semplice carta di pagamento. 

Nel caso delle carte di credito online, invece, sarà molto più semplice trovare soluzioni a basso costo o addirittura offerte con le quali usufruire di carte di credito gratuite per determinati periodi di tempo.