Il Portogallo si arrende, il governo annuncia la richiesta di aiuto

Insostenibile il peso del debito: dall'Europa in arrivo 90 miliardi di euro

Dovrebbero ammontare fra i 70 e i 90 miliardi di euro gli aiuti che il Portogallo ha chiesto a Bruxelles per uscire dalla crisi finanziaria di questi mesi. E’ la stima degli analisti, in mancanza di ulteriori dettagli, dopo l’annuncio fatto ieri sera dal premier portoghese José Socrates e subito confermato dal presidente della Commissione Europea, Jose Durao Barroso, anche lui portoghese.

Una scelta obbligata, dopo l’enorme balzo dei rendimenti dei titoli di Stato di Lisbona che aveva in pratica reso impossibile sostenere il rifinanziamento dei 9 miliardi di debito in scadenza entro giugno, ma anche una decisione ampiamente prevista dal mercato, come sottolinea l’andamento positivo della borsa di Lisbona (+1,1% l’indice PSI 20), dove i titoli bancari hanno aperto con guadagni di oltre il 5% (con il Banco Espirito Santo che ha toccato un aumento del 9,3%). L’annuncio del governo ha anche fermato la corsa dei bond portoghesi che – dopo aver raddoppiato i tassi nelle avevano già “scontato” la richiesta di aiuti europei.

Ma esiste un pericolo che la situazione del Paese iberico possa coinvolgere altre piazze europee, a partire dalla vicina Spagna? Secondo il ministro delle Finanze spagnolo, Elena Salgado, è da escludere un contagio alla Spagna: “i mercati finanziari fanno una chiara distinzione tra i due paesi”. Il rischio che si diffondano alla Spagna le difficoltà di finanziamento “è completamente fuori questione”, ha detto Salgado specificando che “è ormai da tempo che i mercati sanno che la nostra economia è molto più competitiva“. Salgado ha osservato che il premio di rischio della Spagna – misurata in termini di diffusione del suo bond a 10 anni rispetto a quella del benchmark tedesco – si è ridotta del 30% da gennaio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il Portogallo si arrende, il governo annuncia la richiesta di aiuto