Stretta sul Reddito di Cittadinanza: un solo rinnovo e no doppio bonus

Ecco come potrebbe cambiare la misura con gli emendamenti e chi rischia di dover dire addio al beneficio

Misura bandiera del Movimento 5 Stelle, fortemente voluto dal Vicepremier Di Maio, non è certo mistero che il Reddito di Cittadinanza sia un provvedimento a trazione e vocazione pentastellata, che anzi, sponda Lega ha trovato nei mesi più di qualche resistenza.
Non a caso, uno dei più critici è stato senza dubbio il leghista Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che in più di una occasione ha mostrato perplessità. Tempo fa, in particolare, una frase che aveva cristallizzato nel dettaglio la distanza, a tratti siderale tra Cinquestelle e Lega sull’argomento: “Purtroppo il programma elettorale di M5s al Sud – aveva sottolineato – ha registrato larghi consensi probabilmente anche perchè era previsto il reddito di cittadinanza. Credo che abbia orientato pochissimi elettori della mie zone. Magari è l’Italia che non ci piace ma con cui dobbiamo confrontarci e governare”.

Oggi, dopo un iter sofferto,  il Reddito di Cittadinanza ha tagliato il traguardo ma la Lega prova a metterci lo zampino rendendo un po’ più dura la vita di quanti vogliono accedere al beneficio.

Pioggia di emendamenti sul decretone, dunque, che provano a mettere qualche paletto in più oltre all’obbligo di un anno di servizio civile per chi ne faccia richiesta. In totale. 1.626 le proposte di modifica in Commissione Lavoro del Senato al testo che comprende le nuove norme su reddito e pensioni. Da M5S e Lega ne sono arrivate poco meno di 80 emendamenti: rispettivamente 34 e 43. Il maggior numero di emendamenti è arrivato da FdI, circa 900; segue FI con 236; il Pd con 225 e circa 130 da Leu. E, un buon numero di proposte di modifica riguarda proprio il reddito di cittadinanza.

Anzitutto, evitare il doppio bonus per chi assume al Sud un percettore del reddito di cittadinanza. A chiederlo la Lega con un emendamento al Decretone che prevede appunto che non siano cumulabili gli incentivi alle assunzioni legate al reddito di cittadinanza con il bonus per l’assunzione di under 35 o disoccupati nel Mezzogiorno.

REDDITO RINNOVABILE SOLO UNA VOLTA- Altro paletto della Lega riguarda il rinnovo del beneficio. Un emendamento prevede infatti che il reddito possa essere rinnovato “una sola volta per un periodo pari alla prima erogazione”. Il testo attuale del decreto prevede invece che il reddito venga riconosciuto per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi e che possa essere rinnovato alla scadenza con una sorta di tagliando. Se il percettore è ancora in possesso dei requisiti richiesti, la misura può durare altri 18 mesi.

STRETTA SUL REDDITO AGLI STRANIERI – Paletti ancora più stringenti per limitare la platea degli stranieri, questione a lungo dibattuta, che possono accedere al reddito: è un altro punto sull’agenda della Lega. Con una delle proposte di modifica presentate si esclude la possibilità che per chiedere il reddito sia sufficiente la presenza di un familiare in possesso di un permesso di soggiorno, mentre un altro emendamento stabilisce l’obbligo di certificazione, tradotta in italiano, della composizione del nucleo.

ASSEGNO SOLO PER CHI HA LAVORATO DUE ANNI  – La proposta di modifica, sempre a firma Lega, prevede come requisito per beneficiare del reddito che almeno uno dei componenti del nucleo familiare “abbia corrisposto, nei 10 anni precedenti, imposte e contributi da lavoro di qualsiasi importo e per almeno 24 mesi, anche non continuativi”.

REDDITO MAGGIORATO DEL 30% PER GLI STUDENTI FUORI SEDE – Il M5s, invece, con un emendamento a prima firma Daniele Pesco ha chiesto “una maggiorazione del 30% dell’importo del reddito” nei casi in cui i figli maggiorenni risultino iscritti a un corso di laurea o post laurea in un’Università o istituzione Afam (Alta formazione artistica musicale e coreutica) che si trovi in un Comune diverso da quello di residenza e distante almeno 100 chilometri, e comunque in una provincia diversa. Per gli studenti che sono residenti in zone montane o disagiate non è necessario risiedere in un’altra provincia e la distanza viene dimezzata.

Nel frattempo, sempre sul fronte del Reddito, è partita la guerra ai furbetti . Quando, mesi fa ormai, si è iniziato a parlare di Reddito di Cittadinanza, sono stati in tanti a lanciare l’allarme rispetto alla possibilità concreta che la misura potesse far affilare le armi ad una platea, piuttosto ampia ed agguerrita di furbetti, pronti a tutto pur di beneficiare della misura e della ghiotta somma messa a disposizione.

E, purtroppo, così è stato. Insomma, sembra proprio che il rischio che tra i percettori che effettivamente vivono in condizioni di povertà e disagio, ci siano “infiltrati” si fa sempre più alto.

Guerra ai furbetti del Rdc: emendamento contro i finti divorziati – L’art. 1, comma 6 del decreto legge sul Reddito di cittadinanza esclude dall’accesso al reddito i coniugi separati e divorziati “qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione”. Ma i furbetti non si lasciano scoraggiare ed ecco subito pronta la soluzione per aggirare la norma: per ottenere il beneficio statale, due coniugi potrebbero far finta di separarsi, cambiare solo nominalmente la residenza di uno dei due in Comune e fare domanda per ottenere l’accesso al RDC.
Saranno un caso le lunghe file all’ufficio dell’Anagrafe proprio in concomitanza con l’approvazione del decreto legge? Ovviamente no.

La Lega prova a metterci una pezza anche qui presentando un emendamento che, se approvato, imporrà a tutti coloro che faranno domanda per il reddito di cittadinanza e che si siano separati o divorziati dopo il 1 settembre 2018, di certificare con “apposito verbale della Polizia Municipale” di non risiedere effettivamente più insieme.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stretta sul Reddito di Cittadinanza: un solo rinnovo e no doppio ...