Phishing sul conto corrente: 3 consigli per scegliere un conto a zero rischi

Mi hanno svuotato il conto corrente: cos’è il phishing bancario e quali sono i conti per tutelarsi contro le frodi. 

Sono stata vittima di phishing sul conto corrente: si tratta di un problema purtroppo sempre più diffuso, non solo via mail, ma anche via SMS, nel quale continua a cascare un gran numero di correntisti. 

Quali sono le soluzioni che si possono mettere in pratica per difendersi ed evitare di ritrovarsi poi nella trafila dei risarcimenti per i soldi sottratti in modo indebito dal proprio conto? 

Ecco qualche consiglio che potrebbe tornare utile e per riuscire a scegliere un conto corrente senza rischi, provando così a difendersi dal phishing bancario

Scopri quali sono i conti correnti più sicuri

1. Puntare su istituti bancari rinomati

Attivare un conto corrente con una banca che non si è mai sentita nominare, solo perché offre un conto economico e attivabile in pochi minuti non è saggio. Specialmente oggi, dove fingere di essere chi non si è, online, è anche molto più semplice rispetto al passato. 

Il modo migliore per non correre rischi nell’attivazione di un nuovo conto corrente consiste nella sottoscrizione di un conto con un istituto di credito conosciuto, con una storia alle spalle o, comunque, una solidità anche nel caso in cui fosse in circolazione da poco tempo. 

Questo è il motivo per il quale, prima di attivare un conto corrente, conviene sempre leggere le recensioni di altri clienti che lo hanno già aperto, oltre che visionare con estrema attenzione le condizioni contrattuali dello stesso (in questo caso, il foglio informativo). 

In questo modo si potrà avere maggiore consapevolezza sul prodotto che si ha intenzione di utilizzare, non solo in merito ai costi da sostenere, ma nella sua interezza. 

Confronta i migliori conti correnti 

2. Informarsi sul phishing

Partendo dalla sua definizione, il phishing è una “truffa informatica effettuata inviando un’e-mail con il logo contraffatto di un istituto di credito o di una società di commercio elettronico, in cui si invita il destinatario a fornire dati riservati (numero di carta di credito, password di accesso al servizio di home banking, ecc.), motivando tale richiesta con ragioni di ordine tecnico”.

La diffusione di Internet e delle nuove tecnologie – email in primis – hanno portato alla nascita di nuove tecniche per riuscire a imbrogliare i correntisti, arrivando, così, a svuotare i loro conti correnti. 

Tutte le volte in cui si riceverà una mail dalla propria banca, si dovrà prestare molta attenzione all’indirizzo dalla quale viene inviata, soprattutto nei casi in cui vengano citati eventuali disservizi che rendono necessario effettuare l’accesso immediato al proprio conto – utilizzando il link contenuto nella mail. 

Anche se graficamente la mail ricevuta potrebbe effettivamente sembrare quella della propria banca, in realtà è molto improbabile (la probabilità rasenta lo zero) che la banca invii una mail per dei disservizi che rendano assolutamente necessario l’accesso al conto. 

Pertanto, nell’ipotesi in cui ciò dovesse verificarsi, si suggerisce:

  1. di non cliccare su eventuali link presenti nella mail;
  2. fare uno screenshot e cancellarla (segnando il mittente come spammer);
  3. contattare la propria banca al telefono, per segnalare un tentativo di phishing che potrebbe aver colpito altri inconsapevoli clienti. 

3. Analizzare a fondo il mercato 

Sicurezza e online non sono termini che vanno in contrasto tra loro. Al contrario, oggi i conti correnti online – economici, pratici e convenienti – offrono le stesse garanzie, in termini di protezione dei propri dati e del proprio denaro, dei conti correnti tradizionali. 

Questa premessa è molto importante perché i conti correnti online, che oggi sono le soluzioni più economiche che si possono attivare per la gestione dei propri risparmi, vengono spesso ingiustamente snobbati perché ritenuti poco sicuri. 

Il phishing sui conti correnti, invece, opera a prescindere dal fatto che sia stato attivato un conto recandosi presso la filiale fisica di una banca, oppure direttamente online, compilando un form o inviando una mail. 

L’analisi del mercato dei conti correnti risulta, dunque, molto importante al fine di comprendere quali siano le migliori soluzioni che garantiscano – al contempo – di risparmiare sulla gestione del conto corrente e di avere accesso a un sistema estremamente sicuro

Attiva un conto corrente online per risparmiare

Nella pratica, considerati gli sforzi verso una sempre maggiore digitalizzazione di servizi e procedure compiuti dalle banche, oggi si potrà scegliere di attivare un conto online con una banca tradizionale, oppure di farlo con una banca 100% digitale. 

Nel caso di un conto corrente online, si suggerisce di prestare particolare attenzione alla condivisione dei propri dati personali via mail, ricordando che è meglio verificare (con delle ricerche online) che l’indirizzo al quale si stanno inviando sia quello giusto. 

Utilizzare un portale specializzato nella comparazione dei conti correnti e cercare sempre in rete le informazioni prima di attivare un servizio sono due strade molto utili per riuscire a tutelarsi, in anticipo, da possibili tentativi di truffe sui conti correnti