Pensioni ‘no cash’ sopra i 1000 euro. Le banche si preparano ad accogliere i clienti forzati

450mila pensionati dovranno rinunciare al contante e attrezzarsi per l'accredito elettronico. Un affare per le banche che ora se li contendono con libretti e card

Per 450mila pensionati il 7 marzo sarà un giorno difficile. A una certa età cambiare le proprie abitudini è duro, soprattutto se si tratta di soldi e se si è costretti a iniziare ad avere a che fare con le banche dopo una vita passata ad evitarle. Ma da questa data scatteranno le nuove modalità di riscossione delle pensioni di importo superiore ai 1.000 euro mensili, per le quali la manovra Monti ha vietato l’uso del contante. Sono 450mila, appunto, i pensionati Inps sotto questa soglia che stanno ricevendo in questi giorni una lettera dell’istituto di previdenza che li invita a comunicare entro il mese di febbraio come vogliono riscuotere la pensione in alternativa al contante.

La manovra stabilisce infatti che le pubbliche amministrazioni devono utilizzare strumenti di pagamento elettronici, disponibili presso il sistema bancario o postale, per l’erogazione di stipendi, pensioni e compensi di importo superiore a 1.000 euro. Il limite potrà essere modificato in futuro con decreto del ministero dell’Economia.

I pensionati che finora hanno fatto la fila agli sportelli postali e hanno conservato i soldi sotto il materasso adesso dovranno scegliere tra l’accredito in conto corrente, su libretto postale o su carta ricaricabile.

Una manna per banche e Poste

La novità rientra nella più ampia “lotta al contante” avviata per combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio, uno degli obiettivi prioritari della manovra. Ma è anche un bel regalo alle banche, ora più che mai assetate di liquidità, che si ritrovano all’improvviso mezzo milione di clienti forzati. La legge vieta espressamente di addebitare costi ai “soggetti che percepiscono trattamenti pensionistici minimi, assegni e pensioni sociali”, ma qui siamo oltre la soglia della pensione minima (attualmente di 467,43 euro) e benché il provvedimento parli di “fasce socialmente svantaggiate”, non si sa ancora con precisione chi rientri in questa definizione: lo deciderà entro marzo un accordo fra ministero dell’Economia, Banca d’Italia, Abi, Poste e associazioni dei gestori di servizi di pagamento. E c’è da giurare che le ultime tre categorie cercheranno di restringere il più possibile queste fasce di clienti gratuiti.

Nell’attesa gli istituti bancari e le Poste si stanno attrezzando per contenderseli. Rispolverando strumenti che sembravano ormai in disuso, come il libretto di deposito, ma anche proponendone di nuovi.

Le Poste offrono tre soluzioni

•  la Inps Card, una carta elettronica su cui  viene versata la pensione, che poi si incassa agli sportelli automatici delle Poste (Postamat), e non obbliga i pensionati ad aprire un conto corrente (ma ad assumere dimestichezza con carte e Pin);

•  in alternativa il libretto postale nominativo con accredito sempre gratuito ma che a differenza della semplice card offre anche un rendimento, attualmente di tutto rispetto: 4,99% lordo fino a fine gennaio, ma forse verrà prorogato;

•  in ultimo il conto corrente gratuito per il 2012 per i pensionati sopra i 65 anni che accreditano la pensione entro il 31 marzo. Il rendimento è del 4% per il 2012.

La “corsa al vecchietto” è partita anche per i due principali istituti di credito italiani:

•  Unicredit. L’offerta principale per i pensionati è Libretto One, una riformulazione del classico libretto di deposito nominativo sul quale accreditare la pensione, con un canone di 1 euro al mese, il bancomat per prelevare (ma solo agli sportelli del gruppo) e 60 operazioni all’anno gratuite (quelle in più costano 1 euro). L’interesse è minimo: fra lo 0,01% e lo 0,5% per giacenze sopra i 5mila euro. Ci sono poi il conto corrente (a canone zero solo per i primi 12 mesi e tasso sempre dello 0,01%) e la carta prepagata (anch’essa a canone zero per i primi 12 mesi).

•  Intesa Sanpaolo. L’offerta è ancora da definire. Tra le varie ipotesi si parla di un edizione per i pensionati della carta Superflash nata per i giovani. (A.D.M.)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni ‘no cash’ sopra i 1000 euro. Le banche si prepara...