Pensioni, 110.997 liquidate nel primo trimestre dell’anno. Crollano gli assegni sociali

Importo medio pari a 1093 euro. Lo rende noto l'Istat

(Teleborsa) Nel primo trimestre 2018 sono state liquidate 110.997 pensioni. L’importo medio dell’assegno è pari a 1.093 euro. Lo rende noto l’Inps nel monitoraggio sui flussi di pensionamento rivelando le differenze sul numero di prestazioni erogate e sull’importo tra il primo trimestre del 2018 e quello del 2017 che fa registrare un calo dell’8,3%.  Nello stesso periodo dello scorso anno, infatti, erano 121.095 con un importo medio pari a 1.042 euro.

Nella nota ufficiale, l’Inps precisa che “mentre il 2017 è stato un anno in cui sia i requisiti di età per la vecchiaia, sia quelli di anzianità per la pensione anticipata, sono rimasti immutati rispetto al 2016, nel 2018 invece si conclude il percorso di equiparazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia tra uomini e donne nel settore dei dipendenti privati e dei lavoratori autonomi. La pensione di vecchiaia nel 2018 verrà infatti erogata al raggiungimento dell`età di 66 anni e 7 mesi sia per gli uomini che per le donne, arrivando quindi alla completa armonizzazione dei requisiti per tutti i lavoratori dipendenti privati ed i lavoratori autonomi”.

PENSIONE ANTICIPATA, LE NOVITA’ PER IL 2018 –  Per quanto riguarda il capitolo pensione anticipata, l’Istituto di previdenza, fa sapere che per il 2018 non sono previsti cambiamenti nei requisiti per la generalità dei lavoratori, ma viene introdotta la possibilità di pensionamento anticipato con soli 41 anni di contributi, per i cosiddetti “lavoratori precoci” (12 mesi di contributi maturati entro il compimento dei 19 anni di età e in una determinata condizione di tutela stabilita dalla norma), nei limiti dei Fondi annualmente stanziati e con richiesta di certificazione dei requisiti per l`accesso al beneficio entro il 1 marzo 2018″.

 

CROLLANO GLI ASSEGNI SOCIALI –  Nel 2018 crolla del 35,3% la liquidazione dell’assegno sociale. L’aumento dell’età necessaria per ottenere l’assegno sociale scattata nel 2018 – aumentata da 65 anni e sette mesi a 66 anni e sette mesi – ha provocato il crollo dei trattamenti liquidati nel primo trimestre dell’anno. Tra gennaio e marzo  sono stati liquidati 6.538 assegni sociali con un calo del 35,3% sullo stesso periodo del 2017, quando erano 10.108.

Pensioni, 110.997 liquidate nel primo trimestre dell’anno. Croll...