Via libera ai pedaggi sulle strade Anas

Da maggio si pagheranno la Salerno-Reggio Calabria, il raccordo anulare di Roma e le autostrade siciliane

Dal primo di maggio si dovrà pagare il pedaggio su gran parte della rete Anas a scorrimento veloce. La Camera ha dato il via libera alla conversione in legge del decreto sui trasporti che prevede l’accelerazione nella realizzazione degli impianti di rilevamento dei pedaggi (ovvero Telepass) su autostrade e raccordi autostradali.

Il pagamento partirà quando il vincitore della gara per l’installazione dei tralicci con telecamere, procederà alla loro installazione su 1.300 chilometri di arterie Anas.
In particolare il balzello interesserà la Salerno-Reggio Calabria, la Roma-Fiumicino, la Siena-Firenze, la Bettolle-Perugia, il grande raccordo anulare di Roma, le autostrade siciliane.

Un altro elemento di preoccupazione per i guidatori arriva anche dall’accordo siglato tra governo e gestori della rete carburanti per evitare nuovi scioperi. A detta dell’Antitrust “questa intesa peggiora la riforma della distribuzione, delineata nelle bozze del disegno di legge sulla concorrenza e allontanala possibilità di ridurre il differenziale del prezzo italiano rispetto alla media europea”. E in una segnalazione inviata al governo e al Parlamento, l’Autorità chiede, per questo, “il varo di norme realmente liberalizzatici a favore del mercato e dei consumatori”.
Sulla stessa linea Federdistribuzione che insiste nel sottolineare quanto “una maggior presenza della grande distribuzione potrebbe portare ulteriori vantaggi ai cittadini, riuscendo ad offrire benzina e gasolio fino a 10 centesimi in meno rispetto al prezzo di mercato”.

Via libera ai pedaggi sulle strade Anas