Partite Iva, bonus aggiuntivo da 1.500 euro. Ecco per chi

L'Inps fornisce i dettagli sull'indennità aggiuntiva, rispetto a quelle già previste per i mesi di marzo, aprile e maggio, a favore di alcune categorie di lavoratori autonomi

Con la circolare n. 104 pubblicata il 18 settembre 2020, l’Inps fornisce una serie di dettagli sull’erogazione di una indennità aggiuntiva – rispetto a quelle già previste per i mesi di marzo, aprile e maggio – a favore di alcune categorie di lavoratori autonomi e collaboratori coordinati e continuativi in ragione della sospensione delle loro attività lavorative.

Nel dettaglio, il decreto Cura Italia ha previsto un bonus aggiuntivo di 500 euro per un massimo di tre mesi e quindi per un totale di 1.500 euro, parametrato all’effettivo periodo di sospensione dell’attività.

Beneficiari
Il bonus extra è riconosciuto:

  • ai collaboratori coordinati e continuativi, con rapporto attivo alla data del 23 febbraio 2020
  • titolari di rapporti di agenzia e di rappresentanza commerciale
  • lavoratori autonomi o professionisti, compresi i titolari di attività di impresa, iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e alle forme esclusive e sostitutive della stessa
  • liberi professionisti, titolari di partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020, compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo, iscritti alla Gestione separata
  • liberi professionisti iscritti alle casse autonome professionali
  • lavoratori che alla data del 23 febbraio 2020 erano in attività lavorativa e iscritti alle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi artigiani, commercianti, coltivatori diretti, mezzadri e coloni
  • Imprenditori agricoli professionali iscritti alla gestione autonoma agricola, nonché i coadiuvanti e coadiutori artigiani, commercianti e lavoratori agricoli iscritti nelle rispettive gestioni autonome.

Zone rosse
Il bonus aggiuntivo spetterà però solo ad alcune categorie di lavoratori autonomi, collaboratori coordinati e continuativi, possessori di partita IVA e professionisti con cassa, in ragione della sospensione delle loro attività lavorative in alcune ex zone rosse d’Italia. I soggetti indicati tra i beneficiari, per accedere al bonus aggiuntivo, devono quindi svolgere la relativa attività lavorativa alla data del 23 febbraio 2020 o essere residenti o domiciliati in uno dei comuni della cosiddetta “zona rossa”.

Dunque, i Comuni italiani inseriti nel DPCM del primo marzo 2020 della Lombardia e del Veneto, ai quali lavoratori spetta il bonus extra di 500 euro sono i seguenti: Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia e Terranova dei Passerini in Lombardia; e ‘Vo Euganeo in Veneto.

Come e dove fare domanda. Le istruzioni Inps
L’Inps nella circolare diffusa spiega che gli interessati all’indennità aggiuntiva dovranno presentare domanda all’ente previdenziale esclusivamente in via telematica, utilizzando i consueti canali messi a disposizione per i cittadini e per gli enti di Patronato nel sito internet dell’Inps.

In alternativa si potrà fare richiesta tramite il contact Center, telefonando al numero verde 803 164 da rete fissa oppure al numero 06 164164 da rete mobile.

Il rilascio del nuovo servizio verrà reso noto con apposita comunicazione sul sito internet dell’Inps.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Partite Iva, bonus aggiuntivo da 1.500 euro. Ecco per chi