“Paghi un centesimo o stacchiamo la corrente”. L’incredibile storia

La società energetica Audax invia un'ingiunzione ad una donna appena rimasta vedova. E' accaduto in provincia di Pordenone

Un’ingiunzione a pagare un centesimo di euro. Pena: il distacco della corrente. E’ l’incredibile e incresciosa vicenda accaduta a Pordedone e riportata da La Stampa.

Quando la scorsa settimana Elisa Carrer, 65 anni, di Prata (Pordenone) ha aperto la busta della raccomandata che la postina le aveva appena notificato – con tanto di ricevuta di ritorno, così da poter far decorrere i termini di legge per la messa in mora – non poteva credere ai propri occhi. Solo pochi giorni prima era rimasta vedova del marito Adolfo Rossetto, titolare di quell’ utenza elettrica cui la comunicazione faceva riferimento.

Perentoria la richiesta di Audax energia di Vinovo (Torino): scaduto inutilmente il termine del 3 dicembre bisognerà pagare 53 euro per operazioni di chiusura per morosità, altrettanti per la riattivazione della fornitura, ulteriori 50 euro per oneri amministrativi. Un salasso per il mancato versamento di una sola monetina di rame da un centesimo.

Leggendo le cifre l’anziana è sbiancata: «Mi sembrava uno scherzo, ma con mio marito morto pochi giorni prima tutto avevo voglia di fare tranne che di sorridere – ha fatto sapere la donna -: due pagine fitte di norme e di sanzioni perché a loro non risultava pagato un singolo centesimo scaduto il 20 ottobre scorso».

Nella vicenda è intervenuto il cognato Franco,  sollevando il caso a livello nazionale e sollecitando l’ intervento delle istituzioni: “È vergognoso, ma siamo in Italia e non mi stupisco più di nulla – ha spiegato -: noi siamo fermamente orientati a non saldare, perché c’erano mille altri modi per addebitare quel centesimo, primo fra tutti quello di imputarlo semplicemente nella prossima bolletta. In quel documento staremo peraltro ben attenti che non venga inserito il costo della raccomandata e della notifica postale, perché non pensiamo che l’azienda, che ci dà la caccia per un centesimo, sia così magnanima da accollarsi gli oneri per l’ avvio ufficiale della procedura preliminare della messa in mora”.

La vedova teme, tuttavia, conseguenze peggiori e nei prossimi giorni deciderà se recarsi in banca e saldare con bonifico – unica modalità prevista -: un’ operazione dal costo di cinque euro per scongiurare rogne future. “Manca solo che mi debba prendere un avvocato per gestire questo intrigo – ha riferito -: allo sportello comunque mi rideranno tutti dietro”. Il Codacons questa mattina presenterà un esposto alla Procura mentre la società ieri ha fatto sapere che sta verificando come possa essersi generata quel tipo di richiesta inusuale.

Leggi anche:
Rottamazione-bis, bollette, Spesometro. Tutte le novità del decreto fiscale
Addio fatturazione ogni 28 giorni: telefono e tv, così cambia la bolletta
La Manovra cambia il digitale: il 90% dei televisori è da rottamare

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

“Paghi un centesimo o stacchiamo la corrente”. L’inc...