Pagamento in contanti o carta di credito? Pregi e difetti delle due modalità

Il pagamento in contanti può essere migliore rispetto a quello con carta di credito oppure no? Analisi comparativa tra le due modalità di pagamento. 

Nonostante nel corso degli ultimi anni, tra pandemia da covid-19 e bonus cashback, l’utilizzo delle carte di credito (e di altre carte di pagamento) sia aumentato anche in Italia, ci sono ancora molte persone che prediligono i pagamenti in contanti. 

Nelle prossime righe, dunque, analizzeremo quali sono i principali pro e contro di queste due differenti forme di pagamento, cercando di capire, a seconda dei casi, quale soluzione potrebbe risultare più conveniente

Stop al pagamento in contanti: attiva una carta di pagamento online

Pagamento in contanti: quando conviene

Ci sono persone abituate da sempre a tenere un piccolo mazzetto di contanti nel portafogli, per abitudine o per quelle che possono rappresentare delle evenienze: sarà capitato a molti, al termine di una corsa in taxi, che il tassista avesse il POS rotto. 

I contanti potrebbero essere utili in situazioni come quella in cui si fa la spesa al mercato, oppure un giro tra le bancarelle di una fiera. Non è detto che tutti i commercianti siano dotati di POS portatile (obbligatorio per legge) o che abbiano altre tecnologie di pagamento, come per esempio Satispay (con la quale si può pagare direttamente dal proprio smartphone collegato al conto corrente). 

Il pagamento in contanti, però, come abbiamo imparato nel corso della pandemia da covid-19, costituisce un pericolosissimo canale di diffusione del virus (oltre che di germi, batteri e altri patogeni). 

Evitarne l’uso potrebbe essere positivo in questi termini, ma non solo. nel momento in cui si effettua un prelievo di contanti all’estero, vengono previste delle commissioni di non poco conto. 

In aggiunta, chi non è particolarmente bravo con i calcoli e con le conversioni in valuta estera, potrebbe rischiare di essere fregato o di non rendersi conto di quanto sta effettivamente spendendo in un Paese estero in cui si utilizza una valuta diversa dall’euro.  

Scopri quali sono le carte di credito online più convenienti

Pagamento in contanti Vs carta di credito

Nel caso appena descritto, quindi quello di un viaggio in un Paese straniero, l’utilizzo di una carta di pagamento potrebbe essere conveniente: si potrebbe pagare con facilità, grazie al fatto che circuiti come VISA e MasterCard sono riconosciuti in tutto il mondo

Ci sono, poi, altre ragioni per le quali puntare sui pagamenti con carta:

  • sono pratici e veloci, anche perché oggi si possono fare direttamente da smartphone (grazie a tecnologie quali Google Pay o Apple Pay) e in modalità contactless, ovvero senza l’inserimento del PIN per importi generalmente inferiori ai 25 euro al mese;
  • sono più igienici rispetto ai pagamenti in contanti, poiché veicolano di meno la trasmissione del virus, soprattutto nei casi in cui la carta venga toccata unicamente dal compratore e non anche dall’esercente di un negozio;
  • possono essere utilizzate anche per i pagamenti online, in sicurezza, grazie ai moderni sistemi di protezione a due fattori. 

In altri casi, l’utilizzo di una carta di credito diventa obbligatorio, come per esempio per il noleggio di un’auto, oppure per pagare uno smartphone a rate scegliendo di sottoscrivere l’offerta di un determinato gestore di telefonia mobile. 

Le carte di pagamento, poi, sono molto spesso a costo zero: anche nel caso delle carte di credito, da sempre le più care tra tutte, oggi sono disponibili diverse soluzioni online che permettono di risparmiare e che possono essere attivate anche azzerandone il costo del canone mensile. 

Carte di credito gratuite? Scopri se esistono

Come scegliere una carta di pagamento 

Tra le diverse tipologie di carte di pagamento, oggi è possibile scegliere tra:

  • carte di credito;
  • carte di debito;
  • carte prepagate;
  • carte conto con IBAN. 

Le carte di credito sono collegate al conto corrente e permettono di pagare in un momento successivo rispetto a quello in cui avviene la transazione, grazie alla presenza di un fido. Anche le carte di debito sono associate al conto, ma i pagamenti avvengono immediatamente, nel momento in cui si effettua l’acquisto. 

Le carte prepagate, chiamate anche ricaricabile, sono solitamente quelle che hanno un costo più basso: si chiamano così perché possono essere ricaricate dell’importo che si preferisce, anche solo nel momento in cui si vuole comprare qualcosa. Per questo, sono molto amate da molti per gli acquisti online. 

Le carte conto con IBAN, invece, funzionano un po’ come un conto corrente, quindi danno la possibilità di poter accreditare lo stipendio o la pensione in modo diretto e gratuito, senza dover sottoscrivere e pagare un conto. 

Oggi, il modo migliore per trovare la carta di pagamento per sostituire i contanti che si adatta meglio alle proprie esigenze e al proprio budget, è rappresentato dall’analisi comparativa online tra le carte, per esempio su un comparatore con esperienze e fama del settore quale è SOStariffe.it.