Governo, via libera agli incentivi e alla modifica della Costituzione

Approvato il decreto sugli incentivi e sulle modifiche agli articoli 41,97 e 118 della Costituzione

Il governo ha appena annunciato un pacchetto di misure a sostegno della crescita. E’ un intervento a tappe: si parte con una modifica alla Costituzione e via via in discesa con nuove misure legislative, riedizioni di vecchi provvedimenti e decreti di attuazione. Vediamole in sintesi.

Il Consiglio dei ministri ha preso in esame la proposta di modifica di tre articoli della Costituzione: il 41 sulla libera iniziativa economica e il 97 e 118 sull’organizzazione della pubblica amministrazione e il decentramento amministrativo in cui verranno introdotti criteri di merito e semplificazione. Ecco le nuove versioni elaborate dall’esecutivo: nell’articolo 41, per ciò che riguarda le attività economiche, viene “permesso tutto ciò che non è espressamente vietato dalla legge“. Nell’articolo 97 viene affermato che “le pubbliche funzioni sono al servizio del bene comune” mentre la revisione dell’articolo 118 prevede che gli enti locali “non devono solo favorire, ma anche garantire l’autonoma iniziativa”.

Inoltre è stato varato al decreto legislativo sugli incentivi. Lo riferiscono fonti governative che sottolineano come il testo abbia subito “lievi modifiche” rispetto alla bozza iniziale. La riforma prevede il ricorso a “meccanismi automatici di agevolazione“, con aiuti anche sotto forma di “buoni o voucher” per le piccole e medie imprese. Alle Pmi andrà non meno del 50% delle risorse disponibili.

A partire dal 2012 al fondo unico per gli incentivi confluiranno le risorse attualmente “finalizzate al superamento degli squilibri economici e sociali che sono assegnate dal Cipe” per “essere destinate a interventi statali di aiuto alle imprese e di sostegno del sistema produttivo”. Le risorse sono destinate per l’85% alle Regioni del Mezzogiorno e per il 15% alle Regioni del Centro-Nord.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo, via libera agli incentivi e alla modifica della Costituzione