Nuove regole per gli scioperi: chi partecipa dovrà dichiararlo prima

Il Senato prova a regolamentare gli scioperi nei trasporti pubblici

Dopo gli scioperi del 16 giugno e del 6 luglio che hanno bloccato le grandi città nonostante fossero proclamati da sindacati con scarso seguito, il Senato prova a regolamentare gli scioperi nei trasporti pubblici.

In realtà la riforma, da molti invocata, è ferma perché le forze politiche stentano a trovare un accordo. Il nuovo garante per gli scioperi, Giuseppe Santoro Passarelli, ha chiesto un restyling basato sulla rappresentatività dei sindacati della legge che risale al 2000, ben 17 anni fa. “Senza voler pregiudicare il diritto costituzionale di tutti i sindacati a poter proclamare lo sciopero – ha detto Santoro Passarelli – sarebbe opportuno collegare il potere di proclamazione dello sciopero, nel settore dei servizi pubblici essenziali, al raggiungimento di parametri di rappresentatività”.

Al Senato sono stati depositati da oltre un anno tre progetti di legge, uno a firma del presidente della Commissione Lavoro Maurizio Sacconi (Epi), uno da parte del giuslavorista Pietro Ichino (Pd) e l’altro da parte di Aldo Di Biagio (Ap). “Ho messo a punto un testo unificato, dal momento che si tratta di progetti di legge molto simili dal punto di vista dei contenuti – spiega Sacconi – ne abbiamo poi anche discusso in commissione Lavoro e Affari Costituzionali, ma da parte degli esponenti del Pd è arrivata la richiesta di rinviare la discussione”.

Le proposte di Sacconi e Ichino prevedono che lo sciopero possa essere proclamato solo da sindacati che abbiano un grado di rappresentatività superiore al 50% o, in caso contrario, in seguito a un referendum tra i lavoratori interessati. Il capitolo che caratterizza la proposta Sacconi contiene due misure per contrastare l’”effetto annuncio”: l’obbligo per i lavoratori che aderiscono allo sciopero di comunicarlo preventivamente all’azienda e l’obbligo, in caso di revoca della protesta, di deciderla con congruo anticipo e non in extremis.

Nuove regole per gli scioperi: chi partecipa dovrà dichiararlo p...