Niente ecobonus climatizzazione per sostituire solo i termosifoni

L’ENEA chiarisce il motivo per cui non è possibile usufruire degli incentivi per la sostituzione di singoli radiatori

Una nota dell’ENEA chiarisce che non è possibile usufruire dell’ecobonus se si sostituiscono solo i radiatori di un impianto di climatizzazione.

Sono, quindi, agevolabili “gli interventi di sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, con impianti a pompa di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia“. Ma come intendere il termine “sostituzione parziale? Alla domanda che molti si sono posti, l’ENEA ha chiarito che, per poter usufruire dell’ecobonus (diverso a seconda del tipo di impianto), l’intervento deve comportare la sostituzione anche del generatore del calore.

Per poter usufruire della sostituzione dei termosifoni oppure, ad esempio, dei pavimenti radianti, è necessario che questi lavori vengano realizzati unitamente alla sostituzione dell’impianto di produzione (ovvero la caldaia).

Tuttavia, se si ha intenzione di sostituire soltanto un’unità esterna di un impianto di condizionamento, l’ENEA chiarisce che è possibile usufruire dell’ecobonus, in quanto essa non fa parte dell’impianto già esistente. Ogni unità, infatti, sarà considerata come un generatore di calore a sé.

Inoltre, si può godere degli incentivi per quelle spese sostenute in merito alla realizzazione di opere edilizie che siano funzionali alla realizzazione dell’intervento. Tra queste rientrano, ad esempio, quelle per la demolizione del pavimento e della messa in opera di uno nuovo, in particolare se riguardano la realizzazione di un pavimento radiante. Comunque sia, è il professionista abilitato a dover individuare le spese.

Nel documento Ecobonus 2018, valido fino al 31 dicembre, sono descritti altri tipi di intervento per i quali si può richiedere la detrazione fino al 65%. Tra questi ad esempio la posa in opera di finestre comprensive di infissi, schermature solari e sostituzione di impianti di climatizzazione invernale che godono della riduzione del 50% della percentuale di detrazione per le spese relative all’acquisto.

È importante ricordare che l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) è tenuta ad effettuare controlli, sia documentali sia attraverso sopralluoghi, al fine di verificare la sussistenza delle condizioni necessarie per poter usufruire delle detrazioni. Esiste un documento che definisce le procedure e il modo in cui questi controlli vengono effettuati: si tratta del decreto 11 maggio 2018 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 211 dell’11.09.2018).

Niente ecobonus climatizzazione per sostituire solo i termosifoni