Mutui, continua la crescita per l’acquisto della prima casa

Lo dice l’ultimo Osservatorio elaborato da MutuiOnline.it

(Teleborsa) Al giorno d’oggi, pensare di acquistare una casa senza ricorrere a un mutuo è un’impresa praticamente impossibile ai più, riservata solo a pochissimi fortunati. Sarà anche per questo che prosegue, a vele spiegate, nel quarto trimestre dell’anno, la crescita dei mutui per l’acquisto della prima casa con il 45,2% degli erogati registrati ad Ottobre, in crescita rispetto al I trimestre dell’anno (33%). Tengono il passo tra gli erogati, i mutui di surroga (45,2%) che segnano tuttavia un calo rispetto al I trimestre dell’anno (59,5%).

FISSO E’ MEGLIO – Il tasso fisso si conferma ancora la forma di mutuo maggiormente erogata con il  77,7% registrata ad Ottobre, in lieve diminuzione rispetto al trimestre precedente 82,7%; il tasso variabile si attesta invece al 20,2%, in leggero aumento rispetto al trimestre precedente (15,3%).

Altro importante capitolo è quello che riguarda la durata, la maggioranza dei mutui erogati è a 20 anni (32,2%), ancora in graduale aumento dall’inizio dell’anno (30,7% erogati nel I trimestre; 31,1% nel III trimestre). In leggero aumento anche l’importo medio degli erogati (123,774 Euro). Il 36,6% dei mutui è stato erogato per una classe d’importo compresa tra i 50.001 e i 100.000 Euro.

Per quanto riguarda le classi d’età, il 47% dei finanziamenti è stato erogato alla fascia d’età compresa tra i 36 e i 45 anni e il 36,9% per una classe di reddito tra i 1.501 e i 2.000 Euro.

Da un punto di vista geografico, guida saldamente ancora il Nord con il 45,9% dei mutui erogati, seguito dal Centro (37,6%) e dal Sud (10%) e isole (6,5%).

Per quanto riguarda lo storico dei tassi per i mutui a 20 e 30 anni, il fisso si è attestato ad ottobre sul 2,17% (in leggero calo rispetto al 2,22% di settembre) e il variabile ha registrato una lieve flessione (0,94% rispetto allo 0,98% di settembre).

Il 5% riguarda case all’asta – Intanto, un’analisi condotta da Facile.it e Mutui.it rivela che settembre 2017 circa il 5% delle richieste di mutuo presentate alle banche tramite il canale online era legato ad un immobile in asta. La prima regione per numero di richieste è presentate alle banche è la Lombardia (30%), seguita da Emilia Romagna (12%) e Lazio (10%). Chi ha richiesto un finanziamento ha cercato di ottenere, in media, poco meno di 89mila euro, equivalenti al 63% del valore dell’immobile.
I tempi per ottenere il finanziamento sono più bassi della media (3 mesi contro i 4,5 registrati nei casi di acquisti “tradizionali”).

Mutui, continua la crescita per l’acquisto della prima casa
Mutui, continua la crescita per l’acquisto della prima casa