Contributo fondo perduto PMI, spunta il modello: come funziona la richiesta

Il sito web Informazone Fiscale pubblica in anteprima il modello da utlizzare per il contributo a fondo "di ristoro" per le PMI

Come annunciato nelle passate settimane, sarà l’Agenzia delle Entrate a gestire le domande relative ai contributi a fondo perduto per le aziende che maggiormente hanno sofferto la chiusura dovuta all’emergenza sanitaria. Come annunciato dal ministro Patuanelli, il contributo “di ristoro” avrà un valore minimo di 1.000 euro fino ad arrivare a un massimo di 50.000 euro.

Prima di poterlo richiedere, però, è necessario attendere che la stessa Agenzia delle Entrate pubblichi un provvedimento attuativo, all’interno del quale sarà possibile come funzionerà l’erogazione del sussidio e quale la procedura per richiederlo. Un provvedimento che dovrebbe arrivare a breve, visto che la data ultima per la sua pubblicazione è fissata al 19 giugno. Comunque, sembra che non si dovrà aspettare così a lungo: il portale Informazione Fiscale ha infatti pubblicato, in esclusiva, una bozza del modello che dovrà essere utilizzato per chiedere il contributo a fondo perduto.

Al momento, dunque, nulla di ufficiale, ma tutto fa pensare che il modello sarà proprio quello comparso online nelle ultime ore. Nel corso di un’intervista, il Direttore dell’Agenzia Ruffini ha affermato che l’erogazione del contributo dovrà terminare entro fine giugno e, dunque, tutto dovrà essere reso ufficiale nel giro di qualche ora.

Modello contributo fondo perduto PMI: come è fatto

Stando alle anticipazioni di Informazione Fiscale, il modulo di richiesta (ufficialmente si tratta del modulo per “Istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto“) si compone di sole due pagine. Oltre alle informazioni relative all’azienda e al personale dell’azienda, sarà necessario indicare la fascia di ricavi/compensi all’interno della quale si ricade (sotto i 400 mila euro, fino a 1 milione di euro, fino a 5 milione di euro), gli importi del fatturato ad aprile 2019 e aprile 2020 (ricordiamo che i requisiti del contributo per le PMI prevedono una perdita di fatturato del 66%) e un IBAN sul quale accreditare la cifra.

Come richiedere il contributo “di ristoro” per le PMI

Il modello potrà essere presentato direttamente, o avvalendosi di un intermediario accreditato, tramite i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate. La procedura di verifica ed erogazione dovrebbe essere piuttosto snella e veloce, anche se sarà necessario attendere che l’AdE risponda. L’istanza, inoltre, deve essere presentata entro 60 giorni dall’apertura dei canali telematici abilitati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Contributo fondo perduto PMI, spunta il modello: come funziona la rich...