Ecobonus auto elettriche rifinanziato con altri 57 milioni di euro

Destinati 57 milioni dell’Extrabonus agli incentivi per le auto con emissioni di CO2 da 0 a 60 gr/km. Prorogati i termini per le prenotazioni

(Teleborsa) – È stato riattivato l’Ecobonus per le auto elettriche ed allungato il periodo per fare richiesta dell’incentivo.

Il decreto infrastrutture e mobilità sostenibili, approvato dal Consiglio dei Ministri, ha infatti riallocato le risorse destinate all’acquisto dei veicoli meno inquinanti M1, compresi nella fascia di emissione 0-60 grammi di CO2.

Per garantire e ottimizzare l’utilizzo dei fondi – spiega il Ministero dello Sviluppo Economico – le risorse previste per l’Extrabonus, pari a oltre 57 milioni di euro, vengono riallocate sul fondo ordinario dell’incentivo Ecobonus.
L’Extrabonus era rimasto inutilizzato a causa di un’interpretazione restrittiva del ministero dello Sviluppo Economico sul suo impiego.

Il decreto Sostegni bis convertito in legge lo scorso 23 luglio aveva già rifinanziato l’Ecobonus per le vetture elettriche (fascia 0-20 g/km) e per le ibride plug-in (21-60 g/km), con 60 milioni, andati esauriti in meno di un mese.

Ecobonus, prorogati i termini per le prenotazioni

Considerati gli effetti prodotti dall’emergenza epidemiologica, in particolare quelli legati ai ritardi nella produzione e all’allungamento dei tempi di immatricolazione e consegna dei veicoli acquistati, è previsto un allungamento del termine della procedura informatica di prenotazione dell’ecobonus:

  • potrà avvenire entro il 31 dicembre 2021, se l’inserimento è avvenuto tra il 1 gennaio 2021 e il 30 giugno 2021;
  • entro il 30 giugno 2022, se l’inserimento avviene tra il 1 luglio 2021 e il 31 dicembre 2021.

I termini sono validi per le auto elettriche, i veicoli per il trasporto merci, i piccoli veicoli a motore (dunque per le categorie M1, M1 speciali, N1 e L).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ecobonus auto elettriche rifinanziato con altri 57 milioni di euro